Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 654
RAGUSA - 15/09/2015
Spettacoli - Attori che convincono poco con un dialetto troppo caricaturale

Stecca la prima il giovane Montalbano

Neppure i vari Augello, Catarella e Fazio riescono a coinvolgere più di tanto Foto Corrierediragusa.it

E´ cominciata la stagione del commissario Montalbano, ma in tono decisamente minore rispetto alle aspettative. In attesa di Montalbano "senior" la Rai ha lanciato la prima delle sei puntate de "Il giovane Montalbano" dopo la fortunata edizione dello scorso anno. Michele Riondino ritorna nei panni del commissario "da giovane" con un accento smaccatamente siciliano e quindi troppo caricaturale, con espressioni volutamente grevi e poco convincenti. Una trama "annacquata" che stenta a decollare, lasciando spazio anche ad un commissario più "intimista", spesso turbato e combattuto nel suo amore agli esordi per la giovane Livia, interpretata da Sarah Felderbaum. E´ naturalmente Scicli il set della puntata con tutti gli scorci più noti della città barocca. Piazza Carmine, via Mormina Penna, alcuni locali del centro storico e il lungomare di Donnalucata dove prende il via la puntata con la scena di un funerale d´altri tempi. La campagna iblea, i panorami a volo d´angelo, gli scorci di vicoli e viuzze esaltano interpretazioni professionali ma poco trascinanti.

Eppure i suggestivi prosceni non bastano a salvare un episodio opaco dove, come accennato, l´intrigo con cui il giovane commissario è alle prese non ha granchè di originale. Neppure i vari Augello, Catarella e Fazio riescono a coinvolgere più di tanto rispetto alle loro versioni più adulte della serie principale. Molte volte battute e dialoghi appaiono caricaturali, persino innaturali e forzate, a volte. Alla fine quel che si salva e resta impresso nello spettatore è comunque l´immagine di un territorio e di una città integro ed esaltato dalle inquadrature sapienti di Gianluca Maria Tavarelli.

Nella foto al centro Michele Riondino nei panni del giovane Montalbano con al fianco il fido Catarella


Stecca cosa ?
15/09/2015 | 11.41.08
Massimo

E´ normale che attori non siciliani possano non interpretare al meglio battute in dialetto che non hanno mai parlato. Ma dire che la prima puntata abbia steccato è esagerato e sicuramente è una opinione personale della redazione che molti non condivideranno. Per parlare di flop occorre vedere i numeri auditel che dicono l´opposto: lunedì 5.560.000 spettatori hanno seguito la puntata con uno share del 23,52percento, che si è confermato il programma più seguito della serata. Moltalbano e il giovane Montalbano non perdono il loro fascino e vengono sempre seguiti grazie anche alla splendida cornice barocca delle località del ragusano in cui viene girato. E il "cineturismo" a Scicli è una realtà consolidata che ogni anno conferma un trend sempre in ascesa.