Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 1051
RAGUSA - 03/10/2013
Spettacoli - La manifestazione proseguirà fino al clou di domenica

Al via "Ibla Buskers" con 60 artisti di strada di 8 nazioni

14 punti spettacolo e un circuito culturale fatto di chiese aperte, mostre fotografiche, escursioni e percorsi assieme ai poeti Foto Corrierediragusa.it

Sessanta artisti provenienti da otto nazioni, 14 punti spettacolo e un circuito culturale fatto di chiese aperte, mostre fotografiche, escursioni e percorsi assieme ai poeti. Sono i numeri di Ibla Buskers 2013, diciannovesima edizione in programma da stasera (inizio ore 21,30 in piazza Duomo) e fino a domenica 6 ottobre a Ragusa Ibla. La manifestazione è stata presentata nello spazio antistante la Vecchia Cancelleria, palazzo storico che fa parte del patrimonio dell’Umanità. E’ stato Francesco Pinna, presidente dell’associazione culturale Edrisi che organizza la manifestazione, ad illustrare il ricco programma di questa edizione che si svolge grazie al fondamentale contributo dell’Amministrazione comunale, al supporto della Banca Agricola Popolare di Ragusa e alla sponsorizzazione da parte di Ipercoop, Associazione Siciliana Consumo Consapevole, Prima Classe Locale Trasversale. Alla conferenza stampa sono intervenuti il sindaco di Ragusa, Federico Piccitto e l’assessore comunale alla cultura e spettacoli, Stefania Campo. Entrambi gli amministratori hanno evidenziato la valenza dell’iniziativa.

«L’Amministrazione comunale è intervenuta per tempo a sostegno della manifestazione in modo da consentire un’adeguata programmazione e un’azione di promozione che indirettamente si focalizza sulla nostra città – ha spiegato il sindaco Piccitto – Come sempre l’associazione organizzatrice ha voluto dare un taglio anche culturale, oltre che ricreativo, scegliendo come location pure l’antica area della Vecchia Cancelleria, nel quartiere degli Archi, una volta centro storico della città prima che per decreto regio venisse divisa in due, proprio quando l’Italia si riunificava. Ibla Buskers è sicuramente un fiore all’occhiello per Ragusa e ci permette di valorizzare il centro storico. Dal canto nostro stiamo lavorando sugli strumenti urbanistici per favorire il ritorno nel centro storico soprattutto da parte delle giovani coppie». L’assessore Campo ha rimarcato il «carattere internazionale ormai raggiunto dalla manifestazione che coniuga l’aspetto ludico a quello culturale dando luce a zone dimenticate della città e rispondendo ad un’esigenza che vede integrazione sociale, sviluppo economico e turismo». Come ha spiegato il presidente Pinna «l’obiettivo resta quello di far scoprire Ibla e i suoi vicoli spesso sconosciuti.

Anche per tale ragione quest’anno oltre ai normali percorsi e alle location già note e utilizzate in passato, abbiamo pensato ad una sorta di «percorso audace» che parte da piazza della Repubblica, attraversa via Aquila Sveva, per proseguire lungo la ripidissima ma altrettanto suggestiva scalinata fino all’ex distretto militare dove c’era una volta l’antico castello-roccaforte. Avremo uno spettacolo presso la sala Falcone-Borsellino e tutti gli altri in giro per piazze e vicoli. Quest’anno il nostro focus è dedicato all’equilibrio grazie ad alcuni artisti che ci faranno assistere ad esibizioni mozzafiato. Tra questi anche un artista francese alla corda volante, una chicca». Salvatore Frasca, bravissimo buskers e, assieme a Pinna, direttore artistico di Ibla Buskers, ha voluto «fortemente ringraziare i volontari che operano per il festival e gli artisti che accettano di venire anche con cachet più bassi di altri festival nazionali che possono contare su risorse economiche molto più significative. Va sottolineato l’oramai riconosciuta valenza di Ibla Buskers che fa parte, anche per le riviste di settore, dei circuiti nazionali e internazionali dei festival degli artisti di strada».

Con l’aiuto di alcune associazioni e gruppi giovanili si svolgeranno varie attività collaterali sotto il nome di «Ibla Accogliente» con escursioni, visite nelle chiese e una mostra fotografica di Luigi Guastella presso palazzo Cosentini. Torna anche «Ibla Bazar» con il mercatino dinnanzi ai giardini iblei. Durante la manifestazione si svolgerà un concorso fotografico sul tema «la strada, il palcoscenico». Le foto più belle, selezionate dal critico Roberto Mutti, faranno parte di una sezione della prossima edizione del «Ragusa Foto Festival». Domani, 3 ottobre, apertura con il galà inaugurale in piazza Duomo (alle 21,30) e poi a seguire una festa musicale in piazza Pola. Da venerdì a domenica sarà attivo il servizio di bus navetta con partenza da via Di Vittorio a Ragusa e arrivo a Ibla. Info sul sito internet www.iblabuskers.it e sui canali social facebook e twitter.