Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:46 - Lettori online 659
RAGUSA - 05/09/2010
Spettacoli - Ragusa: s’è conclusa la manifestazione dei «Ragusani nel mondo», giunta alla 16. edizione

Orgoglio ibleo nel mondo: miscellanea di cultura e arte

Dallo scienziato Stefano Pluchino al giornalista e scrittore Antonio Nicaso, al manager Paolo Rizzo, all’attore Andrea Tidona. I talenti raguani conquistano il mondo. Premiati lo scultore Arturo Di Modica, gli iblei del Paraguay, gli astri nascenti della canzone Mario Scucces e Luigi Fronte. Il patron Sebastiano D’Angelo: «La più nella edizione del premio»
Foto CorrierediRagusa.it

E’ calato il sipario sulla sedicesima edizione del Premio Ragusani nel mondo. Un successo per la ragusanità in una piazza Libertà gremita fino all’inverosimile. Duemila posti a sedere più quelli impiedi, un record che tocca quasi 3 mila persone. Bella la scenografia creata e curata da Gianni Portelli.

Emozioni forti che si sono susseguite nell’arco della serata, con storie uniche, suggestive, vite esemplari che hanno portato alto il nome della provincia iblea in Italia e nel mondo. La ragusanità in festa, celebrata con una guest star intrnazionale, Amii Stewart, in un ritorno alle storie e all´umanità dei premiati, dinnanzi ad un pubblico di circa 3000 persone.

Nella splendida cornice della piazza, i giornalisti Salvo Falcone e Caterina Gurrieri hanno presentato quella che nei fatti è divenuta una serata di gala, ha voluto rilanciare il grande, affettuoso e unico abbraccio della popolazione iblea nei confronti dei ragusani che vivono all´estero.

Hanno ricevuto la pergamena del premio, assieme alla creazione al laser di Grankio Design, alcuni dei ragusani di prima, seconda e perfino terza generazione che hanno fatto parlare per i loro successi professionali, culturali, sociali. Si tratta di Antonio Nicaso, scrittore e giornalista, leader a livello mondiale nello studio dei fenomeni criminosi di larga scala, Paul Rizzo, banchiere e manager di provata capacità internazionale, Stefano Pluchino, affermato neurologo che ha curato nuove ricerche sulle cellule staminali applicate alla cura della sclerosi multipla, l’attore Andrea Tidona, che ha nei fatti inaugurato la sezione degli iblei affermati in Italia e nel mondo. Ed infine un premio dedicato agli Iblei del Paraguay, protagonisti di una comunità forte, radicata ma che non ha mai perso i contatti con la terra d´origine e con le tradizioni.

Ci sono stati anche dei premi speciali assegnati ai giovanissimi talenti Mario Scucces e Luigi Fronte, protagonisti anche al festival di Sanremo e a «Ti lascio una canzone». Entrambi hanno cantato offrendo il meglio delle loro qualità vocali. Menzione d’onore per lo scultore Arturo Di Modica, già premiato nel 2000, a cui gli è stato attribuito un nuovo riconoscimento per l´impegno profuso nel valorizzare la terra iblea con la creazione di un centro d´eccellenza dedicato all´arte.

La scena è stata letteralmente rubata dall´ospite internazionale, la cantante Amii Stewart che si è esibita interpretando quattro bellissimi brani che hanno incontrato l´ovazione del pubblico. Bellissimi gli arrangiamenti della «Peppe Arezzo Orchestra» con le coreografie di Emanuela Curcio. Risate e comicità con il cabarettista Sasà Salvaggio che ha giocato molto sulla sicilianità e le peculiarità dei siciliani. La manifestazione «Ragusani nel Mondo», organizzata dall’omonima associazione, ha avuto il patrocinio della Regione, della Provincia regionale di Ragusa, del Comune di Ragusa, della Camera di Commercio e di numerosi sponsor privati. I rappresentanti dei «vip sponsor» (Infrastrutture, Banco di Sicilia – Unicredit Group, Di Meglio, Reale Mutua agenzia di Ragusa, Poggio del Sole resort) sono saliti sul palco per consegnare i premi e rimarcare il proprio sostegno alla manifestazione.

Per i premiati anche un dolce omaggio, del buonissimo cioccolato modicano offerto dal Consorzio di Tutela. Bellissimo il messaggio che, in chiusura, ha dato il vescovo della diocesi di Ragusa, mons. Paolo Urso, che ha unito l’amore per la terra natia al cuore, pieno dei valori, della ragusanità, «la vera e vincente diversità di questa manifestazione di successo».

A tracciare il bilancio finale è il direttore dell’Associazione «Ragusani nel Mondo», Sebastiano D’Angelo: «Registriamo i tanti commenti positivi per quella che è stata probabilmente la più bella edizione del premio, che ha saputo suscitare delle grandi emozioni in un percorso di storie lungo circa 3 ore e mezza, che ha tenuto incollate alla propria sedia le migliaia di persone presenti in piazza. Da qui ripartiamo alla ricerca di nuove emozioni riabbracciando i nostri connazionali».

Per questi ragusani speciali si sono moltiplicate le iniziative e le sorprese. Stamani alcuni dei premiati e la delegazione del Paraguay hanno partecipato alla festa di San Giovanni a Monterosso Almo per poi pranzare a Giarratana nel corso di una conviviale che ha offerto tante altre sorprese. Il sindaco di Monterosso Almo, Salvatore Sardo, ha deciso di «adottare» per l’intera giornata di domani, mister Jorge Rios Rivela, uno dei componenti della delegazione del Paraguay i cui trisavoli partirono proprio dal Comune montano.

Stessa cosa sta facendo il sindaco di Giarratana, Pino Lia, che ha «adottato» Amancia Vera De Macedo, un’altra componente della delegazione, che riceverà la cittadinanza onoraria. In questi giorni gli uffici comunali hanno fatto un gran lavoro per risalire all’albero genealogico, riuscendo a trovare nuovi parenti. Infine domani sera alle 20,30 alla Pinacoteca di Comiso, il neo premiato «Ragusani nel Mondo», Antonio Nicaso, assieme al magistrato Gratteri, presenterà il libro «La mala pianta».

(Nella foto in alto, i partecipanti sul palco nel gran finale del galà)