Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 801
MODICA - 30/03/2010
Spettacoli - Modica: singolare iniziativa di una giovane regista

"Tragedie shakespeariane in formato tascabile"!

L’appuntamento è quello con lo spettacolo «PockeTragedy», in programma per il 9 e il 10 aprile al Garibaldi Foto Corrierediragusa.it

«Tragedie shakespeariane in formato tascabile per tutta la famiglia»: è il testo di un insolito invito a Teatro, recapitato a Modica su una pergamena bruciacchiata.

L’appuntamento è quello con lo spettacolo «PockeTragedy», in programma per il 9 e il 10 aprile al Garibaldi, ma la regista Claudia Puglisi ha voluto trasformare anche l’invito in un evento teatrale. A consegnare il biglietto nelle mani dei modicani che ieri pomeriggio passeggiavano lungo Corso Umberto, sono stati infatti direttamente Amleto, Ofelia, Gertrude e gli altri celebri personaggi delle tragedie shakespeariane, atterrati a Modica dalla loro epoca, pronti a tornare sulla scena. Ad incarnarli alcuni attori del cast come la giovane Silvia Scuderi, ma soprattutto dieci dei ragazzi che partecipano al laboratorio teatrale «Looking for…Shakespeare» del Liceo Scientifico «G. Galilei» di Modica. A dirigerli è stata proprio Claudia Puglisi, che è sia regista dello spettacolo sia curatrice del laboratorio e che ha ideato questa evento teatrale non solo per promuovere «PockeTragedy» coinvolgendo la città, ma soprattutto per incoraggiare i ragazzi al confronto col pubblico, spingendo anche i docenti referenti del progetto, Epifania Digabriele e Uccio Di Maggio, ad indossare i costumi di scena. Ad accompagnarli c’è stato anche il Sovrintendente della Fondazione Teatro Garibaldi, Giorgio Pace.

«Un’esperienza forte per i ragazzi -così la definisce la Puglisi- che sono stati catapultati nell’impatto più violento col pubblico, non quello sicuro e già prestabilito del palcoscenico con la platea, ma quello imprevedibile della strada. Un modo per superare la timidezza e mettersi in gioco». «Un’iniziativa –la commenta il Sovrintendente Pace- alla quale non potevamo che aderire con entusiasmo, non solo perché si tratta del lavoro dei ragazzi intorno ad uno spettacolo della nostra Stagione, non solo perché rientra nel rapporto organico che stiamo costruendo con la scuola e in questo caso con un istituto come il Galilei che grazie ai suoi docenti ha già maturato un’importante esperienza nella formazione dei ragazzi rispetto all’arte teatrale, ma soprattutto per la convinzione, che non ci stancheremo mai di ribadire, che debbano diventare loro, i giovani, ogni giorno di più, i protagonisti attivi della vita del Teatro».

La corsa è partita dal Teatro, alla ricerca del giovane Amleto, fuggito dal palcoscenico per non vivere la sua storia: una corsa improvvisata, che ha preso la piega della strada ed è stata di minuto in minuto reinventata sulle risposte della gente, degli anziani e dei bambini che hanno partecipato alla caccia, persino degli automobilisti che si sono visti bloccare la strada dagli attori alla disperata ricerca del loro protagonista.

Gli stessi ragazzi impareranno a lavorare dietro le quinte proprio in occasione di «PockeTragedy». Lo spettacolo, che era già previsto per il 10 aprile 2010 nella sezione «Il Teatro per la Crescita» della Stagione 2010 come matinèe, verrà messo in scena in anteprima il 9 aprile 2010 alle ore 21. Il biglietto di ingresso è di 5 euro.