Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 1142
MODICA - 09/11/2007
Spettacoli - Modica - Al cinema "Aurora" e in contemporanea in altri 5 siti

"Maria Venera": stasera
prima nazionale del film
di Beppe Cino

La trasposizione cinematografica di "Argo il cieco" di Bufalino Foto Corrierediragusa.it

Prima nazionale per « Maria Venera» di Beppe Cino. L’appuntamento con il film del regista nisseno è per le 20 al cinema Aurora dove si terrà una breve presentazione dell’opera da parte del regista. Alle 20.45 sarà dato il via alla proiezione che in contemporanea si svolgerà anche in altri cinque siti della città. L’amministrazione ha voluto infatti coinvolgere tutti i quartieri visto che il film è girato in massima parte nel centro storico e nelle campagne del modicano. La pellicola potrà essere vista dunque al centro sociale di Frigintini in piazza Ottaviano, all’oratorio Don Bosco, all’auditorium del palazzo della cultura, all’auditorium della scuola media De Amicis a Modica Alta, all’auditorium dell’ex asilo Antoniano in piazza Libertà.

Il film ha una durata di 111 minuti ed è la trasposizione cinematografica di Argo il cieco, il romanzo di Gesualdo Bufalino. Si tratta di un racconto autobiografico visto che Bufalino, interpretato da Angelo Amato, narra di una vagheggiata storia d’amore con Maria Venera, interpretata da Olivia Magnani.

Angelo Amato è docente di lettere al locale istituto magistrale e questo gli consente di descrivere angoli, odori e scorci della Modica degli anni 50. Dalla pellicola di Beppe Cino esce fuori una Sicilia insolita , dove la protagonista, al di là di ogni conformismo di maniera, guarda al futuro e non si fa condizionare dalle convenzioni sociali del tempo. Il futuro di Maria Venera non è in Sicilia ma lontano mentre per Angelo Amato resta tanto rimpianto ed il sapore dei ricordi che rivivono in immagini che esaltano la bellezza della città.