Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 947
MODICA - 10/05/2009
Spettacoli - Modica: lo spettacolo ha chiuso la stagione della prosa

Le "Love Letters" di Cassola e Tidona incantano la platea

E’ la vicenda di due giovani che prima si innamorano, poi si lasciano, si ritrovano ancora da amanti e si allontanano definitivamente
Foto CorrierediRagusa.it

Carla Cassola ed Andrea Tidona (nella foto) chiudono con «Love letters» la stagione della prosa del teatro Garibaldi. Sodalizio artistico, prima che sentimentale, quello di Tidona e Cassola che si cimentano in una lettura a due voci della short story dell’americano Albert Gurney.

E’ la vicenda di due giovani che prima si innamorano, poi si lasciano, si ritrovano ancora da amanti e si allontanano definitivamente. Interpretazione senza sbavature quella dei due attori, che si calano in un testo che recitato con una scenografia ai minimi termini o altri artifizi scenici, alla fine non poteva risultare tra i più attraenti per l’attenzione del pubblico. La lettura epistolare di novanta minuti suscita dunque delle cadute di attenzione nonostante Tidona e Cassola mettano in campo tutta la loro tecnica di consumati attori e quasi si divertano nella parte di Andy e Melissa.

Lo spettacolo è in linea con tutta la stagione di prosa del Garibaldi voluta, prima per necessità, e poi anche per scelta con pochi attori e quindi priva di quella coralità che contribuisce anche essa a fare «teatro».

Il tono monotematico della stagione alla fine non rende giustizia ai tanti attori di successo, o anche emergenti, che si sono alternati sul palcoscenico del Garibaldi; l’inserimento di qualche classico, di qualche spettacolo con coralità e diversificazione interpretativa avrebbe reso certamente l’esordio di questa prima stagione firmata Pace e Tidona più coinvolgente ed entusiasmante pur se il tentativo di svecchiamento e di proposizione di nuovi temi, autori e modelli di teatro è stato apprezzabile.

Il questionario che la direzione artistica ha distribuito in sala per verificare l’indice di gradimento del pubblico degli spettacoli del Garibaldi potrà essere in questa direzione molto indicativo per chi dovrà farsi carico della prossima stagione magari per aggiustare il tiro.