Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 23 Settembre 2018 - Aggiornato alle 20:53
MODICA - 06/03/2018
Spettacoli - La messa in scena del testo di Gabriel Garcia Marquez al Piccolo Palcoscenico

Teatro: "L´amore ai tempi del colera" ammalia il pubblico

Michele Arezzo ed Alessandro Sparacino conducono tra le pagine con il loro fluido narrare Foto Corrierediragusa.it

«L’amore ai tempi del colera» ammalia il pubblico del Piccolo Palcoscenico. La messa in scena del testo di Gabriel Garcia Marquez, come scrive Marisa Scopello, è «operazione felicissima, dove intelligenza e sensibilità hanno dato il meglio di sé. Un’operazione che è piaciuta, perché nel dibattito attualissimo sul ruolo della letteratura oggi, ha creato la premessa di un nuovo modo di interagire con un libro e riscoprirne i tesori celati fra le sue parole a chi se ne sia allontanato perdendosi tra le brume dell´alienante non-io».

Scrive ancora Marisa Scopello: «Metti una sera all´improvviso di stare sotto l´impietoso sole dei tropici in pieno inverno, immerso nel viluppo dell´umidità che genera fiori a imitazione di carne e sangue di donna e serpi che sono anaconda e pappagalli -arcobaleno e vedove nere luttuose, orribili nelle loro tele mortali...Metti che decidi di giocare una partita a scacchi con la vita sapendo che alla fine ci sarà una Regina o un Re che faranno mosse strane, assurde, simili a una danza della morte dove Eros stringe Thanatos nel fatale fandango del lasciarsi e riprendersi, scostarsi e avvinghiarsi, in un´eterna e sconvolgente gestualità.

Vuol dire allora che, in una sera quasi primaverile di marzo, sei andato al Piccolo Palcoscenico ad ascoltare Michele Arezzo (foto) e Alessandro Sparacino. Michele Arezzo ha incantato gli spettatori col suo fluido narrare, evocare e, soprattutto, non era solo; c´era anche Alessandro Sparacino, e insieme hanno costruito un monologo dialogante con pause riempite dalle pagine incandescenti del testo che Alessandro leggeva per noi. Balzavano a vicenda in primo piano per eclissarsi subito dopo, rientrando nell´ombra delle pagine».