Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 20 Novembre 2017 - Aggiornato alle 16:15 - Lettori online 1186
MODICA - 26/01/2017
Spettacoli - Riprende venerdì la stagione di prosa con un testo di Giampiero Cicciò

"Lei e Lei", commedia brillante al Teatro Garibaldi

Un travestito siciliano e una giovane romana si confrontano tra aspre schermaglie e slanci d’affetto Foto Corrierediragusa.it

Torna la prosa al Teatro Garibaldi. Venerdì alle 21 il sipario si aprirà con lo spettacolo «Lei e Lei» di e con Giampiero Cicciò. Il cast si completa con Ilenia D’Avenia. Tre notti: Natale, Capodanno, Epifania. Un universo sommerso e sconosciuto ai più, col buio prende vita in una piazza di Messina. Un anziano travestito siciliano (drag singer fallita) e una giovane romana ombrosa e litigiosa che svende il proprio corpo dopo aver tentato una carriera teatrale, si confidano, si fanno compagnia, si confrontano tra aspre schermaglie e slanci d’affetto svelando il loro mondo ai margini.

Lui, anche ex tanguero con talento, tra racconti di vita esilaranti e tragici al tempo stesso, tra visionarie percezioni del mondo (che trasformano una fermata dell’autobus in un palcoscenico e un alto lampione nell’aldilà), trasmetterà alla ragazza, attraverso il ballo e, soprattutto, attraverso la capacità di fantasticare che tutto trasforma, una gioia di vivere a lei sconosciuta e, infine, la bellezza di quella femminilità che la giovane non ha ancora imparato a esprimere, a curare, e che per il travestito è stata la causa dell’esclusione dal mondo del «giorno». Scene e costumi, Francesca Cannavò, collaborazione alla drammaturgia, elaborazione musicale, Fausto Cicciò; disegno luci, Renzo Di Chio; assistente alla regia,Veronica Zito.