Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 893
MODICA - 30/04/2012
Spettacoli - Sei spettacoli pensati e prodotti da altrettanti istituti della città

Al Garibaldi va in scena "La scuola in palcoscenico"

Si comincia il 4 maggio, ultimo spettacolo il 6 giugno. Il sovrintendente Giorgio Pace: "Teatro e scuola devono lavorare insieme per dare ai giovani strumenti e contenuti nuovi, all’altezza delle sfide che la società attuale pone»
Foto CorrierediRagusa.it

Il teatro per la scuola e la scuola per il teatro. Sarà un mese interamente dedicato a sei spettacoli pensati e prodotti da sei istituti della città.

«La scuola in palcoscenico» è il titolo di una mini stagione che segue quella appena conclusa al teatro Garibaldi con ottimi consensi.Il progetto rappresenta l’evoluzione del rapporto con gli istituti scolastici, due istituti superiori e quattro del primo ordine, che la Fondazione Teatro Garibaldi ha intrapreso sin dall’inizio della sua attività: è il momento in cui gli studenti, dopo essere stati molte volte spettatori delle numerose proposte artistiche che sono state inserite nelle programmazioni a loro dedicate, diventeranno finalmente attori.

«Il successo di questa operazione – dice il Sovrintendente della Fondazione Teatro Garibaldi Giorgio Pace (nella foto a dx insieme ad Enzo Ruta) – è decisivo per i risultati dell’attività della Fondazione. Siamo infatti convinti che questa istituzione può funzionare solo se riesce ad avere un ruolo nel territorio in cui opera e, in un momento in cui si parla tanto di crisi culturale, questo ruolo non può che cominciare dalla formazione delle coscienze giovanili. Teatro e scuola devono lavorare insieme per dare ai giovani strumenti e contenuti nuovi, all’altezza delle sfide che la società attuale pone».

Saranno migliaia i ragazzi coinvolti, tra quelli che porteranno in scena gli spettacoli e quelli che vi assisteranno. I sei istituti scolastici protagonisti hanno accettato l’invito che la Fondazione ha lanciato lo scorso autunno, proponendo ai loro allievi laboratori teatrali che si sono sviluppati nel corso di questi mesi e il cui esito verrà ora proposto non solo alle rispettive comunità scolastiche ma alla città intera.
«E’ la prima volta che si propone alla Città un cartellone realizzato interamente dalle scuole – ha detto il vicepresidente della Fondazione e coordinatore artistico del progetto Enzo Ruta – e per noi è un grande risultato che abbiano risposto ben sei scuole, con una diversificazione di temi così articolata, in cui ogni titolo rispecchia la personalità dell’istituto che lo propone. Il sogno per il futuro è una stagione teatrale di questo tipo, che sia diluita nell’arco dell’intera stagione».

Presente, in rappresentanza dell’Amministrazione comunale di Modica, l’assessore alla Pubblica istruzione Tato Cavallino: «Lasciare che i ragazzi facciano questa esperienza ha un valore educativo, ma anche sociale – ha detto – dal momento che c’è bisogno di occasioni di aggregazione, per condividere e scambiare idee, mettersi insieme e realizzare qualcosa. Ringrazio la Fondazione per questo progetto, con la certezza che l’anno prossimo crescerà ancora di più».

Questo il programma completo:

4 maggio 2012 ore 10 e ore 20

GREASE
Istituto Comprensivo «Emanuele Ciaceri»


Lo spettacolo è l’adattamento dell’omonimo musical di Jim Jacobs e Warren Casey. Questa proposta mette in luce le capacità degli studenti di muoversi sul palcoscenico, nel rapporto tra recitato, canto e musica.

24 maggio 2012 ore 20

LA STANZA DEL SOGNO CELESTE
Scuola media «Giovanni Falcone»


Dalla voce dei poeti al cuore degli uomini. Una performance di poesia e musica per giovani poeti recitanti: poesia e musica come mezzi per indagare l’anima e per sviscerare le fibre più profonde del sé.

28 maggio 2012 ore 20
29 maggio 2012 ore 10

FLUMEN VILLAGE
Liceo Classico «Tommaso Campailla»


La città di Modica rappresenta uno splendido connubio tra natura e architettura, una simbiosi che nel corso della storia ha resistito nonostante le catastrofi naturali e l’azione dell’uomo non sempre felicemente sostenibile. Uno spettacolo fra voci assonanti e dissonanti, ma dialogo vivo.

1 giugno 2012 ore 20

LA PRODIGIOSA CUCINA DI JASMINA E LE SUE SORELLE
Istituto comprensivo «Santa Marta»


Alla corte del conte Ruggero I, storie e ricette di Sicilia al profumo d’Arabia. Storia e cucina in uno spettacolo che è un atto d’amore per la propria terra.

6 giugno 2012 ore 20

LA GIARA
Scuola Media «Giovanni XXIII»


La vicenda di Don Lollò Zirafa e ‘Zi Dima Li Casi, una delle novelle più note di Luigi Pirandello rivisitata dagli alunni della Giovanni XXIII e impreziosita con musiche dal vivo.

9 giugno 2012 ore 20

PRIMA LA MUSICA, POI LE PAROLE
Liceo Musicale «Giovanni Verga»


Prima la musica, poi le parole o viceversa? Un antico quesito che da sempre ha assillato i musicisti. Antiche e reciproche preclusioni si sono alternate in epoche diverse, fino ad oggi, a tratti presentandosi in tutta la loro perniciosa vitalità. Lungi dal voler presentare soluzioni o «prese di partito», in questo nostro intervento desideriamo proporre solo un poco di esercizio per non dimenticare che musica e parole, in fondo scaturiscono entrambe da una medesima radice: il suono.
Un omaggio musicale del neonato Liceo Musicale giunto al suo secondo anno di vita, una breve proposta di parole oltre le note.