Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 951
MODICA - 28/01/2008
Spettacoli - Modica - Al via la stagione teatrale di The Entertainer

Un successo il primo spettacolo
nel Giorno della memoria

Un tempo per parlare, un tempo per danzare Foto Corrierediragusa.it

Primo appuntantamento al teatro Garibaldi per la stagione organizzata dall’associazione The Entertainer. In scena Un tempo per parlare, un tempo per danzare, liberamente tratto dal diario autobiografico di Helen Lewis Il tempo di parlare. Lo spettacolo è stato voluto per celebrare il giorno della memoria senza facili banalizzazioni , scegliendo un testo non sfruttato affidandolo ad interpreti sensibili.

Lo spettacolo narra la storia di una ballerina cecoslovacca vittima della deportazione e sopravvissuta grazie alla sua arte. ? la danza infatti a rendere sopportabile l’insopportabile reclusione nel ghetto di Terezin. Ed è ancora la danza che le fa guadagnare la stima e il rispetto dei carcerieri, sia ad Auschwitz che a Stutthof, che attenueranno le vessazioni nei suoi confronti permettendole di resistere, fisicamente e psicologicamente, fino alla liberazione.

Interpretato da Simonetta Cartia per la parte vocale e da Serena Cartia per la parte danzata ? sue anche le coreografie ? Un tempo per parlare, un tempo per danzare ha ottenuto il patrocinio dell’UCEI (Unione delle Comunità Ebraiche Italiane).

Sottolineando al pianoforte testo e danza, Marco Cascone ha condotto per mano ogni momento dello spettacolo improvvisando e proponendo arrangiamenti personali di temi ebraici; tra questi, i brani Yoshke yoshke, Yankele, Dona dona e Rozhinkes mit mandlen cantati da Simonetta Cartia.

Di fascino la scelta di regia di Giovanni Spadola di denudare il palcoscenico - quasi?scarnificato senza quinte - e di inserire sulla scena pochi, essenziali, elementi: un tavolo, una sedia, una forma di pane e una stella di David, disegnata durante lo spettacolo. Il numeroso pubblico ha sottolineato con un applauso sincero e convinto l’interpretazione ed il valore intrinseco del testo.