Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 382
MODICA - 30/07/2009
Spettacoli - Modica: idolatrata dagli under 20 che urlano il suo nome durante il concerto

La scena è tutta per la «perfetta» Malika

Voce straordinaria ed interessante presenza scenica

Malika Ayane è «Perfetta» – citando uno dei suoi brani - come il pubblico la vuole.
Voce straordinaria ed interessante presenza scenica; una casa discografica, la Sugar, che le ha affiancato autori e compositori che ne valorizzano le sorprendenti doti interpretative; una personale vena di autrice che le permette di esprimersi non solo attraverso la voce, ma anche con dei testi propri. Il concerto è aperto dalla cantautrice Micol Barsanti.
Poi la scena è stata tutta di Malika. Idolatrata dagli under 20 che urlano il suo nome durante il concerto ed aspettano di incontrarla a fine spettacolo, apprezzatissima dal pubblico di tutte le altre età, Malika canta con sicurezza e piglio di artista matura.
Elegante in nero tra i componenti della band in bianco totale, ai successi «Sospesa/Soul waver», «Feeling better», «Briciole», «Il giardino dei salici», «Come foglie» e «Perfetta», aggiunge, tra gli altri brani, la citazione di beatlesiana memoria «Girl», «Beggin» dei Madcon e una sognante versione di «Over the rainbow» con cui chiude il concerto.
Richiamata a gran voce, Malika torna sul palco e regala ancora «Contro vento» e «Come foglie», applauditissima anche in seconda esecuzione.
Dietro le quinte l’entusiasmo dei fans che continuano a dichiararle amore e gratitudine per le sue canzoni si mescola a quello di Malika che ringrazia tutti con gioia.

Sempre dietro le quinte, prima del concerto, Malika è sorridente e disponibile. E mostra una piacevole freschezza. Non riesce ad individuare quale possa essere la spezia amara e rara che Paolo Conte ha usato come termine di paragone per la sua voce perché – dice lei - è ancora impegnata a rendersi conto di cosa le stia accadendo: «Ogni volta che penso a questa frase mi vengono i brividi. Chi avrebbe mai pensato che fosse possibile tutto questo?»
Per quanto il successo di Malika sia un fatto concreto e una meritatissima realtà, la giovane artista milanese è ancora quasi inconsapevole: «Tempo fa ero a Rovereto e c’era anche De Gregori. Bene, lui, Francesco De Gregori, sapeva chi sono. Impossibile credere ed abituarsi a cose del genere. Vivo in stato di continua sorpresa!»