Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 658
CHIARAMONTE GULFI - 17/04/2013
Spettacoli - Gli Amici del Teatro di Chiaramonte Gulfi chiudono la rassegna amatoriale

Napoli milionaria, 60 anni dopo è sempre attuale

Il grande Eduardo, cavallo di battaglia della compagnia chiaramontana. La crisi economica e di valori rende attuale l’oepra edoardiana scritta negli anni Cinquanta
Foto CorrierediRagusa.it

A chiusura della rassegna «Aria di primavera», che si è articolata in tre proposte teatrali, Gli Amici del Teatro di Chiaramonte Gulfi tornano a riproporsi sabato 20 aprile al Teatro Don Bosco al pubblico ragusano con il capolavoro di Eduardo De Filippo «NAPOLI MILIONARIA», uno dei capisaldi del teatro del celebre drammaturgo napoletano.

Commedia scritta ben 60 anni fa, la tematica che si svolge nella vicenda teatrale è di una straordinaria attualità, imperniata sul tema delle miseria materiale e morale dell’epoca attuale, dove il venir meno dei valori etici crea forti scompensi sociali e la distruzione di interi nuclei familiari.

In una Napoli dilaniata e disorientata dalla guerra, la famiglia Iovine cerca nella borsa nera e nel piccolo intrallazzo la via della sopravvivenza. Partito Don Gennaro per la guerra, la moglie Amalia avvia una attività lucrosa, che cambia il tenore di vita suo e dei figli, ma ne stravolge i valori morali. Don Gennaro, tornato dalla prigionia dopo essere stato creduto morto, trova una famiglia profondamente cambiata.

Nel dramma della malattia della figlia Rituccia riemerge la speranza di una nuova alba, e tutto potrà tornare come prima, dopo che "A DA PASSA A NUTTATA! Gli Amici del teatro nel fanno una interpretazione originale seppur fedele al testo, accentuandone la vena comica ma esaltando la drammaticità e l´autenticità dei vari personaggi.

Molto affezionati a questo lavoro, che nella quarantennale attività del Gruppo è stato proposto in diverse edizioni, a partire dal 1977, è uno dei lavori che meglio si adatta allo stile degli attori della Compagnia chiaramontana, che ne hanno fatto un proprio cavallo di battaglia. Una girandola di emozioni, dal dramma al comicità, dalla speranza alla sofferenza, dallo sconforto alla gioia del ritorno del sereno nella famiglia di Gennaro Jovine, in una commedia che tiene avvinta l’attenzione dello spettatore per l’intero spettacolo.