Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 750
CATANIA - 13/12/2013
Spettacoli - Ha chiuso i battenti la stagione lirica 2013 nella città etnea

La «Lucia di Lammermoor» ultima pièce al Bellini Catania

Nel cast Rosanna Savoia, Piero Terranova, Alessandro Libertore e la giovane Loredana Megna nel ruolo di Alisa
Foto CorrierediRagusa.it

Il Teatro Bellini di Catania ha chiuso la stagione lirica 2013 con Donizetti. E’ tornata con un cast d’eccezione sul prestigioso palco etneo, dopo 12 anni di quiescenza, la ‘Lucia di Lammermoor’.

Nel nuovo allestimento realizzato dal regista Guglielmo Ferro, figlio del noto attore siciliano Turi, con la direzione d’orchestra di un altro figlio d’arte, il maestro Emmanuel Plasson, hanno preso parte ‘talentuosi interpreti’ come il soprano Rosanna Savoia nel ruolo di Lucia, il baritono Piero Terranova in Lord Enrico, il tenore Alessandro Liberatore che ha interpretato Sir Edgardo.

Le sette serate previste in cartellone hanno offerto agli amanti della musica d’elite, il dramma tragico diviso in 2 parti, ovvero in 3 atti, di Salvatore Cammarano da «The Bride of Lammermoor» di Walter Scott.

Una ‘messinscena gotica’ per la storia di Lucia, per una musica il cui significato e senso non hanno mai perso il sapore dell’attualità. «Il mio intento –ha detto il regista Ferro- è stato quello di ritornare al cuore spoglio del racconto di Walter Scott, ai suoi snodi narrativi e ai conflitti dei suoi personaggi ripuliti ottocenteschi».

Tra gli interpreti oltre ai ruoli principali si sono distinti i maestri Marcello Rosiello, Jeanette Vecchione Donatti e Emanuele D’Aguanno rispettivamente in: Lord Enrico, Lucia e Sir Edgardo nelle serate del 4, 6, 11 dicembre; Giuseppe Costanzo è stato lord Arturo; il personaggio Raimondo interpretato da Francesco Palmieri, Salvatore D’Agata nel panni del ‘normanno’. Ancora una volta è tornata sul palco nel ruolo di Alisa il mezzosoprano ‘cantabile e di grande qualità’ Loredana Rita Megna, (in foto) talento della lirica siciliana, che ha già calcato il palco del Bellini di Catania interpretando altri ruoli significativi in Cavalleria Rusticana, Carmen, L’italiana in Algeri. Mezzosoprano che la critica musicale ha definito «sicuro in tutta la tessitura, attento al fraseggio e che si impone con morbidezza ed espressività, precisione e agilità».

Anche l’orchestra ha avuto un ruolo importante sotto la direzione dei maestri Emmanuel Plasson e Leonardo Catalanotto (serate del 7,10 e 11 dicembre); la maestra del coro è stata Tiziana Carlini. Scene di Stefano Pace; costumi di Francoise Rayboud. Alle luci Bruno Ciulli; aiuto regista e video maker Massimiliano Pace, assistente di scena e costumi Virginia Carnabuci. Fotografia Giacomo Orlando.