Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 716
TRAPANI - 18/11/2007
Sicilia - Indetto da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil

Rinnovo contratto commercio, sit in di protesta a Palermo

Monica Genovese ’’Lo sciopero è riuscito benissimo, con un’adesione del 70 per cento dei lavoratori soprattutto dei gruppi della grande distribuzione, dalla Rinascente ad Auchan, dall’Upim a Gs ’’
Foto Corrierediragusa.it

Palermo - E´ in corso davanti alla Camera di commerico di Palermo un sit in di protesta indetto da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, nell´ambito dello sciopero nazionale dei lavoratori del terziario, della distribuzione e dei servizi per chiedere il rinnovo del contratto nazionale di lavoro del commercio, scaduto il 31 dicembre 2006.

Ieri erano scesi in piazza gli addetti delle aziende del terziario avanzato e dell´informatica, oggi quelli degli esercizi commerciali, gli ipermercati e dei supermercati.

Secondo i sindacati l´adesione allo sciopero è stato "del 70 per cento". "In due punti vendita Sma, Sma Emiri a Palermo e nella sede di Bagheria, dove si trovavano picchetti di lavoratori intenti a distribuire volantini dello sciopero ai clienti si legge ancora - sono intervenuti i carabinieri, chiamati dai responsabili dei centri commerciali. La Filcams-Cgil adira´ Le vie legali per comportamento antisindacale.

Alla Camera di Commercio si e´ svolto il sit-in al quale hanno partecipato anche i 39 lavoratori palermitani di Infoto, la societa´ messa da poco in liquidazione dal gruppo Randazzo". I sindacati sono stati poi ricevuti, assente il presidente Roberto Helg, dal direttore della Camera di Commercio.

´´Lo sciopero e´ riuscito benissimo, con un´adesione del 70 per cento dei lavoratori soprattutto dei gruppi della grande distribuzione, dalla Rinascente ad Auchan, dall´Upim a Gs - dichiara Monica Genovese, segretaria provinciale della Filcams-Chgil di Palermo - Ma quello che e´ accaduto nei due punti vendita Sma, dove come sindacato siamo molto ben rappresentati, e´ indicativo dello stato di sofferenza in cui versa il commercio e dei tanti diritti negati ai lavoratori. E´ un fatto gravissimo che abbiamo chiesto l´intervento dei carabinieri adducendo come scusa che i lavoratori stavano vietando l´accesso ai clienti´´.

Alla Camera di Commercio dopo il sit-in si e´ tenuta un´assemblea plenaria alla presenza del direttore. ´´Abbiamo spiegato durante l´incontro quelle che sono le istanze dei lavoratori del settore, con il contratto scaduto ormai da un anno. Il direttore ci ha promesso che si fara´ portavoce delle nostre richieste alla presidenza di Confcommercio. L´organizzazione a livello nazionale ha rotto il tavolo delle trattative il 25 settembre scorso ritenendo eccessivo l´aumento di 78 euro mensili per il biennio 2007-2008´´.