Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 788
TRAPANI - 16/11/2007
Sicilia - "In piazza a Palermo 2.500 tute blu. Adesione oltre l’80%"

Metalmeccanici, sindacati: in regione massiccia adesione a sciopero

Giuseppe Farina, segretario organizzativo nazionale della Fim, ha concluso la manifestazione di Fim Fiom e Uil per il rinnovo del contratto di lavoro, scaduto a giugno
Foto Corrierediragusa.it

Palermo - Federmeccanica ´´rimuova i veti o il sindacato imbocchera´ la strada di altri momenti e altre forme di mobilitazione". A lanciare il monito Giuseppe Farina, segretario organizzativo nazionale della Fim, la federazione cislina dei metalmeccanici.

Farina ha concluso oggi a Palermo la manifestazione di Fim Fiom e Uil per il rinnovo del contratto di lavoro, scaduto a giugno. Lo sciopero, che ha portato in piazza duemila e 500 tute blu arrivate nel capoluogo dell´Isola dalle nove province con una ventina di pullman, si e´ concluso a piazza Bologni. Qui e´ confluito il corteo partito da piazza Indipendenza con, in testa, Giovanna Marano (Fiom), Vincenzo Comella (Uilm) e Farina al cui fianco ha sfilato Salvatore Picciurro, numero uno regionale della Fim. Secondo stime sindacali, l´adesione allo sciopero ha superato l´80% nella regione.

"Con Federmeccanica -ha annunciato il segretario organizzativo Fim- ci rivedremo mercoledi´ 21. Attendiamo risposte sui punti irrinunciabili della piattaforma". Il sindacalista li ha elencati: la riforma dell´inquadramento professionale col "superamento del modello che risale al 1973"; la tutela dei precari e dei lavoratori a tempo determinato, con la "garanzia per tutti del diritto al lavoro"; il miglioramento del regime degli orari e delle flessibilita´ e l´adeguamento dei salari.

Al riguardo Farina ha sottolineato che "siamo disponibili a confrontarci e discutere, ma Federmeccanica deve fare proprio il principio della premiazione delle professionalita´". "Il sindacato -ha aggiunto l´esponente Fim- e´ fermo sulla proposta di 117 euro d´incremento dei minimi piu´ 30 euro per chi non ha accesso alla contrattazione di secondo livello. L´ipotesi degli imprenditori, lontana anni-luce, e´ ´irricevibile´".