Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 567
TRAPANI - 13/11/2007
Sicilia - Esternazioni sul blog del presidente dell’Assemblea Regionale

Miccichè:"Un partito tutto siciliano per lo sviluppo dell´isola"

L’esempio del Veneto con la Lega Nord

PALERMO- "Se prendiamo la storia che sta alla base dello sviluppo del Veneto, ci rendiamo conto che, prima della nascita della Lega Nord, questa regione era emarginata dalla crescita del Nord, principalmente a causa dell´assenza di propri rappresentanti al governo.

Da qui la nascita di una propria Lega e il conseguente sviluppo della regione. Questo stesso metodo potrebbe essere adottato anche per la Sicilia dove, allo sviluppo in parte gia´ realizzato, si dovrebbe accompagnare anche una rappresentanza politica che, purtroppo, al momento e´ assente". Ad affermarlo e´ il presidente dell´Ars, Gianfranco Micciche´, in una intervista pubblicata sul suo blog, www.gianfrancomicciche.net "Oggi la Sicilia, nonostante il suo tentativo di sviluppo, per riuscire completamente in questa impresa, ha bisogno di fare lo stesso percorso del Veneto - aggiunge Micciche´ -.

Da qui la necessita´ della nascita di un partito siciliano che, attenzione, non va ad aggiungersi a quelli gia´ esistenti, ma deve essere a questi collegato". Un partito, insomma, che "non avendo una propria forza politica ma certamente territoriale, sia collegato sia al centrodestra sia al centrosinistra per raggiungere l´importante obiettivo dello sviluppo".

"Se una regione come la Sicilia, che presenta un elettorato pari al 10% di quello nazionale - aggiunge il vertice politico del Parlamento siciliano -, avesse la forza di blindarsi attraverso la nascita di due forze collocate in entrambi gli schieramenti, riuscirebbe a garantire la crescita di questa regione, attraverso la presenza costante di propri rappresentanti al Governo".