Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 888
TRAPANI - 08/11/2007
Sicilia - Per i siciliani in arrivo 270 mila inviti di pagamento

Serit: sono pronte le ganasce

Per chi non paga entro 20 giorni, aggravio di spese. Foto Corrierediragusa.it

Palermo - Sono in arrivo circa 272mila inviti al pagamento destinati ad altrettanti contribuenti siciliani, debitori del fisco per importi
non superiori a 500 euro. Per tutto il mese di novembre, SERIT Sicilia SPA, l’Agente della Riscossione, procederà, ogni lunedì, all’invio, a mezzo posta semplice, di circa 68mila inviti al pagamento, suddivisi nelle nove province.
Il maggior numero complessivo di inviti raggiungerà le province di Palermo e Catania, rispettivamente destinatarie, all’incirca, di 67mila e 66mila lettere.

Gli inviti al pagamento sono riferiti a tutti i tipi di tributo, sia erariali (IRPEF, IRPEG, IVA ecc...) che locali (tassa rifiuti, ICI, multe ecc) e sono distinti in due tipi a seconda dell’importo:da 10,33 a 50 euro e da 50,01 a 500 euro. Per quest’ultima tipologia, in mancanza di pagamento, è previsto l’avvio della procedura di fermo amministrativo (le cosiddette ganasce fiscali) mediante la formale notifica del preavviso.

«Si tratta, infatti, di somme già richieste mediante la notifica della cartella di pagamento. Con l’invito al pagamento spontaneo, ? spiega l’Ammini stratore Delegato di SERIT Sicilia, Luigi Sensi ? vogliamo offrire, ai cittadini che hanno debiti d’importo contenuto, ulteriori venti giorni di tempo per regolarizzare la propria posizione debitoria senza aggravio di spese rocedurali.

E’ importante sottolineare che, anche per debiti che non superano i 500 euro, le spese dovute per l’attivazione delle varie procedure coattive possono ammontare a diverse decine di euro».

«In questa fase, il pagamento, oltretutto, è reso più agevole dal bollettino di pagamento RAV allegato, che consente di pagare anche presso sportelli postali e bancari. Oltre che presso gli sportelli SERIT, è possibile, altresì, effettuare
il versamento a saldo tramite carta di credito, anche mediante collegamento al sito internet www.seritsicilia.it.

«Le spese procedurali scatteranno inevitabilmente, quando l’Agente della Riscossione ? come impone la vigente normativa - procederà alla riscossione coattiva delle somme. Infatti - conclude Sensi - a seguito del mancato pagamento a saldo di quanto riportato nell’invito o in assenza di provvedimenti emanati dagli Enti impositori (sgravio della somma iscritta a ruolo o sospensione della riscossione), SERIT Sicilia attiverà le procedure di fermo amministrativo».