Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 725
TRAPANI - 26/10/2007
Sicilia - Iniziativa dell’Assessore regionale all’ambiente e territorio

Sanatoria edilizia: una norma
per le zone sottoposte a vincolo

Si vuole venire incontro alle esigenze dei cittadini, mantenendo il principio della tutela dell’ambiente Foto Corrierediragusa.it

Palermo - L´assessore al Territorio ed ambiente, Rossana Interlandi, ha predisposto la norma che consente la sanatoria edilizia delle opere abusive realizzate in zone sottoposte a vincolo. Il provvedimento sara´ presentato nella prossima riunione di Giunta.

"La disposizione - sottolinea una nota dell´assessorato -, una volta approvata dall´Ars, sblocchera´ la situazione di stallo in cui si trovano le migliaia di pratiche pendenti presso i comuni, relative alle richieste di condono edilizio presentate ai sensi della legge 326/2003. Situazione determinata dal fatto che la legge regionale 15/2004, che ha recepito la normativa, non aveva provveduto ad adeguarla alle specificita´ della situazione regionale, con l´ottanta per cento del territorio sottoposto a vincolo di vario tipo (idrogeologico, paesaggistico, archeologico), dando vita ad una situazione in cui, per casi analoghi, la legge di sanatoria 326/2003 non avrebbe consentito un condono reso possibile ai sensi della precedenti leggi di sanatoria 47/1985 e 724/94".

Rossana Interlandi chiedera´ al presidente dell´Assemblea, Gianfranco Micciche´, una corsia preferenziale per l´approvazione urgente del testo. Quest´ultimo - conclude la nota - "consente, anche per le richieste presentate ai sensi della legge 326/2003, la sanatoria previo nulla osta e alle condizioni espresse dall´ente preposto alla tutela del vincolo".

"La disposizione che portero´ in Giunta fa chiarezza una volta per tutte in una materia molto delicata - ha commentato l´assessore Interlandi - venendo incontro alle istanze dei cittadini ma mantenendo fermo il principio della tutela del territorio".