Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1111
TRAPANI - 19/10/2007
Sicilia - Lo afferma l’Assessore Regionale al Bilancio

La finanziaria regionale
è un inutile libro dei sogni

La novità di quest’anno è la legge sullo sviluppo. Foto Corrierediragusa.it

Palermo -"Ogni fine anno rappresenta,
purtroppo, un´occasione di disdoro per lo spettacolo che la
politica offre a causa delle tre leggi - dpef, finanziaria e
bilancio - che, intersecandosi tra di loro, intasano i lavori
dell´Assemblea regionale´´.

Lo afferma l´assessore regionale al Bilancio, Guido Lo Porto,( nella foto) lanciando
un appello affinche´ l´Ars proceda celermente
all´approvazione della riforma della contabilita´ pubblica.

"´E´ necessario - aggiunge Lo Porto - che il parlamento di
sala d´Ercole approvi subito il progetto di riforma della
contabilita´ che prevede l´abolizione della finanziaria
regionale. Una finanziaria davvero inutile rispetto al
bilancio che, invece, potrebbe essere rimpolpato di tutti i
propositi programmatori della politica governativa viceversa
sottoposti allo stillicidio di un documento che si trasforma
facilmente in una sorta di libro dei sogni dove pero´ non
sono contemplati gli autentici interessi della Sicilia´´.

Lo Porto parla anche della novita´ procedurale che,
quest´anno, verra´ introdotta in sede di programmazione
finanziaria e che consiste nell´accoppiare ai due documenti
tradizionali, la legge sullo sviluppo. ´´Cio´ - spiega
l´assessore al Bilancio - rendera´ molto piu´ concreta e
proficua la legislazione in materia economica poiche´, con
essa, avremo indicato le logiche e i principi ispiratori
della finanziaria stessa´´.

E sulla riduzione dell´Ici, annunciata dal governo nazionale, l´assessore al Bilancio sottolinea come sia indispensabile adottare ´´il principio
dell´invarianza del gettito´´ che consentirebbe ai comuni di
non perdere l´equivalente eventualmente sottratto
dall´imposta.