Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 20 Ottobre 2018 - Aggiornato alle 20:55
TRAPANI - 08/02/2018
Sicilia - Cinque intossicati si registrano anche tra i militari di una caserma

Intossicati 35 bambini a scuola dopo aver consumato i pasti in mensa

Federconsumatori parla di "episodio gravissimo" Foto Corrierediragusa.it

Trentacinque studenti dell´Istituto comprensivo "Pitrè Manzoni" di Buseto Palizzolo, in provincia di Trapani, sono rimasti intossicati dopo avere consumato pasti in mensa. Il sindaco di Buseto Luca Gervasi ha, in via cautelativa, sospeso il servizio mensa, affidato all´esterno, anche se non si conoscono ancora le cause dell´intossicazione. I primi casi risalgono a martedì, quando alcuni bambini e una insegnante della scuola dell´infanzia hanno avuto problemi gastrointestinali e hanno dovuto ricorrere alla cure mediche del pronto soccorso. Ancora da stabilire quindi se si tratta di un virus intestinale o di una tossinfezione alimentare.

Cinque intossicati si registrano anche tra i militari della caserma dell´esercito "Giannettino" di Trapani. I carabinieri del Nas (Nucleo anti sofisticazioni) hanno provveduto a prelevare del cibo per eseguire gli esami tossicologici. Anche l´Asp ha avviato delle verifiche. La scuola e la caserma sono rifornite dalla stessa ditta.

Federconsumatori parla di "Episodio gravissimo e drammatico". In una nota Emilio Viafora, presidente di Federconsumatori, dichiara che "La tutela della salute dei bambini deve costituire una priorità assoluta, soprattutto nelle scuole. Proprio per questo chiediamo che vengano accertate immediatamente le responsabilità e comminate pene severe a chi mette in pericolo l’incolumità dei minori. Episodi del genere - prosegue Viafora - dimostrano la necessità di incrementare i controlli su tutti i passaggi e i livelli della filiera perchè il diritto alla sicurezza alimentare e alla salute - conclude la nota di Federconsumatori - sono pilastri fondamentali della nostra società".