Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1238
TRAPANI - 16/10/2007
Sicilia - Iniziativa della Regione Siciliana

Agricoltura in Sicilia
insetti al posto di fitofarmaci

A produrli la biofabbrica di Ramacca realizzata con fondi europei Foto Corrierediragusa.it

PALERMO - Quaranta milioni di bioinsetti sono stati distribuiti agli agricoltori siciliani per "ripulire" le piantagioni di agrumi dai parassiti, riducendo cosi´ l´utilizzo dei fitofarmaci dannosi per l´ambiente e la salute: nel nuovo numero del Tg web (www.regione.sicilia.it/tgweb), on line da oggi, si parla della biofabbrica di Ramacca costruita dalla Regione, con fondi europei, per incentivare la lotta biologica in agricoltura.
"Oltre ad un vantaggio di tipo ambientale - spiega il direttore amministrativo della fabbrica, Annibale Vinci - i produttori possono contare su una vantaggiosa ricaduta di natura economica. Il risparmio stimato e´ infatti di circa 300 euro ad ettaro.
Attualmente la distribuzione degli insetti, fitofagi e non, e´ gratuita ma anche quando si dovesse decidere di far pagare il servizio, gli agricoltori avrebbero sempre un beneficio da questa scelta". Costata 3 milioni di euro, la struttura, che si estende su una superficie di 2.400 metri quadrati, nel 2009 produrra´, a regime, circa 70 milioni di esemplari. Quattro i tipi di insetti allevati in laboratorio: tre specifici per programmi di lotta ai parassiti degli agrumi e uno da utilizzare per la difesa integrata di prodotti orticoli e floricoli in serra.
"Sempre piu´ agricoltori - afferma il direttore tecnico, Antonino Moschitto - si rivolgono a noi perche´ stanno verificando sul campo l´efficacia della lotta biologica, che tra l´altro non altera l´equilibrio dell´ecosistema agricolo". Nello stesso numero del Tg web si analizzano le opere viarie che saranno realizzate in Sicilia dopo l´accordo tra Stato e Regione sull´utilizzo dei fondi ex Ponte. Negli altri servizi, la riorganizzazione sanitaria prevista dal governo, le misure di sostegno alle cantine sociali e la sperimentazione del biodiesel ricavato dalla spremitura della brassica carinata.