Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:21 - Lettori online 944
TRAPANI - 02/10/2008
Sicilia - Roma - Vertice capitolino per lo sfruttamento delle somme

Roma: delegazione ragusana su fondi Cipe

Ricevuta dal sottosegretario alla presidenza Gianfranco Micciche’ e dall’ l’assessore regionale al Bilancio Michele Cimino Foto Corrierediragusa.it

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei Ministri, con delega al Cipe, Gianfranco Micciche´ (nella foto), e l´assessore regionale al Bilancio Michele Cimino, hanno ricevuto presso la sede del Cipe a Roma, una delegazione della Provincia Regionale composta dal vicepresidente Girolamo Carpentieri, dal consigliere provinciale Silvio Galizia, dal direttore generale Benedetto Rosso.

All´incontro, promosso dal deputato nazionale Nino Minardo, erano presenti il deputato nazionale Giuseppe Drago e il consulente Cipe, Giovanni Mauro, il sindaco di Scicli Giovanni Venticinque e l´ingegnere capo del comune Guglielmo Spano´.

L´incontro, come si legge in una nota, ha avuto per oggetto lo sfruttamento dei fondi Cipe e dei fondi Fas da parte di quegli Enti che hanno saputo investire nella programmazione e risultano depositari di progetti esecutivi, per i quali esiste la possibilita´ concreta di vedere finanziate opere importanti soprattutto per quanto concerne il territorio e l´ambiente, la viabilita´ e l´edilizia scolastica. Per perseguire questo obiettivo e´ gia´ stato stipulato un accordo tra Regione e Cipe che consentira´ un accesso semplificato ai fondi comunitari eliminando una pluralita´ di ostacoli burocratici.

Gli apparati burocratico-amministrativi della Provincia e del comune di Scicli, di concerto, con tutto il territorio attiveranno tutti gli strumenti per predisporre il parco di progetti cantierabili, ripartendoli sulle due annualita´ 2009- 2010.

(Fonte: italpress)