Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:51 - Lettori online 583
TRAPANI - 17/08/2016
Sicilia - Indaga la procura

Turista morto e un altro in coma in un b&b: inchiesta

Tracce di monossido di carbonio nel sangue del compagno di stanza sopravvissuto Foto Corrierediragusa.it

Sigilli nel panificio di via Della Luce, al pian terreno dell stabile del bed & breakfast Orchidea, dove martedì mattina la proprietaria ha trovato un turista toscano morto e il suo compagno di stanza in coma. Dopo una notte trascorsa dai vigili del fuoco a effettuare rilievi per stabilire se i due turisti siano stati avvelenati dall´inalazione accidentale di gas, la procura di Trapani ha disposto il sequestro del panificio. L´ipotesi che sembra prendere forma è, infatti, quella che si siano sprigionati dei gas dalla canna fumaria del panificio che corre lungo un cavedio che attraversa l´intero stabile per poi scaricare fuori. Lungo la parete ci sarebbero, infatti, delle crepe che avrebbero potuto consentire il passaggio del gas di combustione. Gli investigatori stanno indagando anche sul materiale di combustione utilizzato all´interno del forno. Sembra che i giovani abbiano trascorso la notte con la finestra chiusa e il condizionatore acceso.

In un primo momento gli investigatori avevano ipotizzato l´assunzione di droghe sintetiche, visto che i test escludevano la presenza di sostanze "tradizionali" come eroina e cocaina. Poi la scoperta delle tracce di monossido di carbonio nel sangue del turista ricoverato, che è sempre in condizioni disperate all´ospedale di Castelvetrano. A perdere la vita è stato Fabio Maccheroni, nato nel 1973 a Seravezza, figlio di un conosciuto notaio. Il suo compagno di stanza e di viaggio Alessio Menicucci, agente della Procter&Gamble, nato nell´80 a Cascina, in provincia di Pisa, è invece in coma. Gli investigatori sono al lavoro per iscrivere sul registro degli indagati gli eventuali responsabili. Il sopravvissuto è stato dunque ricoverato all´ospedale di Trapani (foto).

Maria Emanuela Ingoglia - palermo.repubblica.it