Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1285
TRAPANI - 12/01/2008
Sicilia - Salpata alle 17,15 dalla Campania

OK DI CUFFARO ALL´ARRIVO DI UNA NAVE DI SPAZZATURA

Eì un atto di solidarietà nazionale.Proteste del Codacons Foto Corrierediragusa.it

Palermo - E´ diretta verso la Sicilia la nave salpata alle 7,15 dal porto di Napoli, la Italro-ro Two, noleggiata dalla compagnia Snav, con un carico di rifiuti solidi urbani. Il viaggio di queste navi è circondato da un alone di riservatezza dopo le violenze che si sono verificate in occasione del primo approdo in Sardegna.

Sul foglio di partenza lasciato in Capitaneria, infatti, non é scritta la destinazione ma solamente la dicitura ´per ordini´.

"La decisione di consentire lo smaltimento di 1.500 tonnellate di rifiuti provenienti dalla Campania, in condizioni di piena sicurezza ambientale per il nostro territorio, e´ il contributo che intendiamo fornire al superamento di un´emergenza che rischia di pregiudicare gravemente l´immagine del nostro Paese". Lo afferma il presidente della Regione, Salvatore Cuffaro, a proposito dell´imminente arrivo in Sicilia di una nave container proveniente da Napoli.

"Questa e´ la ragione per cui la Sicilia ha aderito, con profondo senso delle istituzioni e della coesione nazionale, all´invito rivolto dal Presidente del Consiglio alle Regioni italiane, compiendo una scelta che, per quanto impopolare, concorre a ristabilire - prosegue Cuffaro - le condizioni di un´equilibrata convivenza sociale. Ben lungi dalla tentazione di praticare una sorta di ascarismo all´incontrario siamo fermamente convinti che ogni esperienza di governo, sia essa nazionale, regionale o locale, trova la sua legittimazione in una continua ricerca del bene comune, capace di sottrarsi a condizionamenti ideologici e particolarismi di sorta".

"E´ la stessa consapevolezza che - aggiunge - avremmo voluto riscontrare da parte di qualche Ministro che non ha risposto, invece, con altrettanto senso di linearita´ e concretezza al qualificato sforzo di programmazione e di bonifica, non solo ambientale, che in questi anni abbiamo compiuto in materia di rifiuti".

Il segretario nazionale del Codacons e leader del Movimento Politico Consumatori Italiani Francesco Tanasi ha annunciato che "nel caso in cui parte dei rifiuti provenienti dalla Campania venisse scaricata in Sicilia", avvierà "la più importante class action dei siciliani che mai si sia vista in Italia contro il Governo regionale e quello nazionale, per il risarcimento dei danni all´ambiente e alle persone che ciò provocherà".

Tanasi lancia inoltre un appello ai leader siciliani di partito, ai quali chiede di "intervenire per bloccare lo scempio ed inviare la spazzatura laddove esistono già siti di smaltimento".