Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 875
TRAPANI - 20/12/2007
Sicilia - Provvedimento emesso dalla Dia di Palermo

Arrestato imprenditore vicino al boss latitante Messina Denaro

Si tratta dell’imprenditore Giuseppe Gricoli di Castelvetrano titolare di una catena di supermercati Foto Corrierediragusa.it

TRAPANI - Dalle prime ore della mattina la Polizia di Stato di Palermo, Trapani, Agrigento, coordinata dal Servizio Centrale Operativo, S.C.O., e la Direzione Investigativa Antimafia stanno dando corso all´esecuzione di
due ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di Giuseppe Grigoli e Matteo Messina Denaro, latitante.

Giuseppe Grigoli, citato nei pizzini rinvenuti durante la cattura di Bernardo Provenzano, e´ indagato per avere messo a disposizione mezzi e risorse imprenditoriali nel settore della grande distribuzione alimentare, consentendo la realizzazione di interessi economici a favore di Messina Denaro e offrendo a quest´ultimo una concreta possibilita´ di espansione del potere di controllo, anche economico, in un importante settore di mercato.

Il Grigoli e´, infatti, considerato dagli inquirenti uno tra gli imprenditori piu´ importanti della Sicilia Occidentale nel settore dei supermercati, grazie alla gestione in esclusiva del marchio Despar, per tutti i comuni delle province di Palermo, Trapani ed Agrigento.

La Direzione Investigativa Antimafia ha provveduto al sequestro preventivo delle attivita´ e societa´ collegate all´imprenditore, beni e disponibilita´ finanziare per per un valore di circa 200 milioni di euro.

L´operazione di oggi si inquadra nel piu´ ampio contesto delle indagini svolte da un apposito gruppo di lavoro della Polizia di Stato, composto da investigatori del Servizio Centrale Operativo e delle Squadre Mobili di Palermo e Trapani, e volto alla cattura del latitante Matteo Messina
Denaro.