Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 945
TRAPANI - 17/12/2007
Sicilia - Altro traguardo raggiunto

L´UE approva il programma operativo FSE 2007-2013

Soddisfazione del governatore Sa vatore Cuffaro Foto Corrierediragusa.it

Palermo - La Commissione europea ha approvato il Programma operativo Fse (Fondo sociale europeo) 2007/2013 della Sicilia.

L´investimento previsto per i prossimi 7 anni e´ di 1,5 miliardi di euro, compreso il cofinanziamento nazionale e regionale. Il Programma si pone
obiettivi ambiziosi nell´ambito delle politiche di istruzione, formazione, lavoro e inclusione sociale.

Ed, inoltre, offre opportunita´ di investimento decisamente maggiori, che nel passato, sul fronte dell´alta formazione.

´´Dopo una lunga e difficile negoziazione con i servizi della Commissione Europea - afferma il presidente della Regione Siciliana, Salvatore Cuffaro - la Sicilia dispone di uno strumento che le consentira´ di affrontare le complesse
sfide che vengono proposte da un´economia e da una societa´ in profonda trasformazione per effetto dei cambiamenti produttivi connessi alla globalizzazione e all´affermarsi delle nuove tecnologie dell´informazione e della comunicazione.

Grazie a questo programma, la Sicilia potra´ disporre di un volano finanziario idoneo a realizzare un intervento strutturale di rafforzamento e crescita
qualitativa del suo capitale piu´ importante, vale a dire ´i siciliani´.

Nel contempo - conclude il governatore - con il Fse si puo´ contribuire a porre le basi necessarie a cogliere le opportunita´ offerte alla nostra Isola dall´apertura dell´area di libero scambio del Mediterraneo prevista per il
2010´´.

Il Fondo sociale si pone trasversalmente alle azioni previste dagli altri fondi comunitari in maniera sinergica, supportandone e qualificandone l´azione e coinvolge tre rami dell´amministrazione: gli assessorati al Lavoro, alla
Pubblica istruzione e alla Famiglia.