Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1054
TRAPANI - 15/12/2007
Sicilia - Rating "A1" con previsione "Stabile"

"Moody´s" promuove i conti della Regione Sicilia

Anche nella nuova programmazione comunitaria 2007-2013 saranno intensificati i fondi destinati agli investimenti. Intanto a rischio la finanziaria regionale Foto Corrierediragusa.it

PALERMO - L´agenzia internazionale di rating "Moody´s" promuove i conti della Regione Sicilia e la sua situazione economico finanziaria, attribuendo il rating "A1" con previsione "Stabile". La previsione "Stabile", assegnata da Moody´s riflette il ritorno della Regione ad una performance finanziaria più sostenibile, ad un profilo di liquidità ed a una maggiore capacità di gestire il bilancio dell’Amministrazione.

In più la previsione stabile tiene in considerazione l’impegno della Sicilia di attuare il piano di recupero del settore sanitario con particolare riguardo ai suoi sforzi in corso per controllare la spesa sanitaria che continuava ad avanzare. "Dopo il giudizio positivo di Fitch Ratings - ha commentato il Presidente della Regione, Salvatore Cuffaro - anche Moody´s promuove la Regione.

Per quanto riguarda la valutazione sulla prevista crescita del debito, riteniamo sia necessaria perchè è destinata a investimenti, snodo principale della nuova filosofia di questo governo. Per questo - ha concluso - anche nella nuova programmazione comunitaria 2007-2013 stiamo intensificando i fondi destinati agli investimenti, in maniera da creare sviluppo e crescita dell´occupazione".

Intanto è a rischio la finanziaria regionale. "Avevamo chiesto che la manovra sulle variazioni di bilancio fosse improntata al rigore e al contenimento dei costi. L´impegno del Governo, del presidente dell´Assemblea e di tutti i capigruppo, con i quali era stata trovata un´intesa, era quello di risolvere alcune importanti questioni che riguardano soprattutto le risorse da trasferire ai Comuni, i forestali, i confidi e i consorzi di bonifica. Una manovra che ora rischia di essere snaturata a causa di una serie di emendamenti, alcuni dei quali comportano maggiori oneri finanziari a carico della Regione.

In commissione Bilancio sono stati presentati numerosi emendamenti, tutti apprezzabili, che forse, pero´, sarebbe opportuno inserire in una legge a parte. E´ chiaro, infatti, che tutte queste norme aggiuntive appesantiranno la manovra aumentando i tempi di approvazione e rischiando di far pagare un prezzo troppo alto ai Comuni siciliani e alle altre categorie che attendono risposte veloci e concrete". Lo dichiara il presidente della Regione siciliana, Salvatore Cuffaro. "Le maggiori spese - continua il presidente della Regione - potrebbero vanificare l´impianto dell´intera legge e impedire la sua approvazione entro il 31 dicembre perche´ si corre il rischio di sforare il patto di stabilita´.

Con il rispetto che e´ dovuto al Parlamento, e quindi alla commissione Bilancio, vorrei richiamare al senso di responsabilita´ i parlamentari affinche´ la manovra venga approvata cosi´ come proposta dal Governo.

Tutte le altre norme potrebbero trovare spazio in un disegno di legge a parte, da approvare anche contestualmente se l´Aula lo riterra´ opportuno, in maniera da non far correre pericoli alle variazioni di bilancio", conclude Cuffaro.