Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 679
TRAPANI - 15/12/2007
Sicilia - Il governatore cita l’Enciclica di papa Benedetto XVI

Cuffaro invia messaggio di auguri ai siciliani all´estero

"Il Papa ci dà un suggerimento quando afferma che ’’l’uomo ha bisogno di una speranza che vada oltre’’"
Foto Corrierediragusa.it

Palermo - Il presidente della Regione Siciliana, Salvatore Cuffaro, come ogni anno ha inviato un proprio messaggio augurale ai siciliani e alle siciliane che vivono all´estero. Ecco il testo: ´´Vi giunga anche quest´anno, in ogni luogo del mondo ove vi troviate, il mio augurio personale, nonche´ quello di tutti i siciliani, di un santo e sereno Natale. Ancora una volta giungiamo a questo appuntamento, certamente il piu´ importante e significativo di tutto l´anno, con il peso delle preoccupazioni e delle fatiche che quotidianamente dobbiamo affrontare, ma anche con il desiderio e la speranza che esso porti risposta ad alcune delle aspirazioni piu´ profonde che stanno nel nostro cuore".

"La recente Enciclica di Benedetto XVI che si intitola, non a caso, ´´Spe salvi´´ ci ha offerto piu´ di uno spunto di riflessione - ha scritto Cuffaro - Gia´ nelle pagine iniziali, il Papa intende aiutarci a rispondere al quesito che riguarda l´impegno col presente che, anche se faticoso, puo´ essere vissuto ed accettato solo se conduce ad una meta, ´´cosi´ sicura e grande da giustificare la fatica del cammino´´. Il Natale puo´ aiutare tutti a rispondere a questa domanda cosi´ fondamentale, perche´ e´ un´occasione favorevole per giungere a cio´ che ogni cuore umano desidera. Il Papa ci da´ un suggerimento quando afferma che ´´l´uomo ha bisogno di una speranza che vada oltre´´.

E piu´ avanti spiega che puo´ bastargli solo qualcosa di infinito, qualcosa che sara´ sempre piu´ di cio´ che egli possa raggiungere. A questo compito il Papa Benedetto XVI richiama tutti, anche coloro che hanno responsabilita´ pubbliche nell´amministrazione e nella politica. Vi e´, infatti, un compito che riguarda tutte le generazioni, volto a ´´stabilire convincenti ordinamenti di liberta´ e di bene, che aiutino la generazione successiva come orientamento per l´uso retto della liberta´ umana".