Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1095
TRAPANI - 13/12/2007
Sicilia - Operazioni nella notte. Alcune ancora in corso

Mafia: arresti a Trapani e Messina, decimati i clan

Il colpo più duro a Castellamare del Golfo con l’operazione Beton. A Messina per la " Mattanza" impiegati oltre cento uomini dei carabinieri. Foto Corrierediragusa.it

Palermo - Investigatori della Dia di Trapani hanno eseguito otto ordinanze di custodia cautelare in carcere nell´ambito di una inchiesta che punta sulle cosche mafiose di Trapani e Castellammare del Golfo.

L´operazione, denominata Beton, riguarda anche la gestione di beni sequestrati alla mafia.

I provvedimenti sono stati emessi dal gip del tribunale di Palermo su richiesta del procuratore aggiunto, Roberto Scarpinato, e del sostituto Paolo Guido della Direzione distrettuale antimafia.

Gli indagati sono accusati di associazione mafiosa, trasferimento fraudolento di valori, finalizzato a favorire il riciclaggio di proventi di attività illecite e favoreggiamento aggravato.

Sono ancora in corso numerose perquisizioni e sequestri di beni.

Anche a Messima I carabinieri del reparto operativo del comando provinciale di hanno eseguito, con un blitz nella notte, un´ordinanza applicativa di alcune decine di misure cautelari in carcere, emesse dal gip di Messina, nei confronti
di personaggi di spicco della criminalità messinese. Gli arrestati sono accusati, a vario titolo e ruolo, dei reati di omicidio aggravato e di associazione mafiosa con l´aggravante di aver tentato anche di depistare le indagini inducendo testimoni a dichiarare il falso.

Le indagini sono partite in seguito a tre casi di omicidio: il primo, quello di Franco La Boccetta, il 13 marzo del 2005 e poi di altri due, quelli di Sergio Micalizzi e Roberto Idotta, entrambi avvenuti il 29 aprile 2005 l´uno a distanza di poche ore dall´altro. Gli inquirenti sono arrivati alla conclusione che era iniziata una guerra di mafia tra i due clan emergenti a cui i tre appartenevano e che operavano in due quartieri di Messina.

All´operazione denominata ´Mattanza´, che ha portato allo smantellamento definitivo dei due clan, hanno partecipato oltre un centinaio di carabinieri anche del reparto territoriale, del nucleo elicotteri di Catania e del nucleo cinofili del comando provinciale di Palermo. Ulteriore dettagli saranno forniti nel corso di una conferenza stampa oggi alle 10:30 presso il Comando provinciale carabinieri di Messina.