Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 999
TRAPANI - 11/12/2007
Sicilia - Decisione del ministro Bianchi

Camionisti precettati. Sgombrare le strade!

Hanno tempo fino alle ore 23,59. Dopo di che interviene la polizia. Foto Corrierediragusa.it

ROMA - Il ministro dei Trasporti, Alessandro Bianchi, ha precettato gli autotrasportatori in sciopero limitando il fermo alla mezzanotte di oggi. Lo rende noto un comunicato del ministero che annuncia l´adozione di una "apposita ordinanza per la limitazione del fermo dell´autotrasporto proclamato dalle Associazioni Cna Fita e Confartigianato Trasporti dalle ore 00.00 del giorno 10 dicembre alle ore 24.00 del giorno 14 dicembre, limitandolo alle ore 23.59 del giorno 11 dicembre".

Il provvedimento "si e´ reso necessario a seguito della gravissima criticita´ della circolazione su molte arterie della rete stradale e autostradale, che ha determinato la concreta possibilita´ che venga pregiudicata la distribuzione dei beni essenziali in quanto volti a soddisfare i diritti fondamentali dei cittadini". L´ordinanza, precisa ancora il ministero, sara´ notificata alle segreteria nazionali delle organizzazioni che hanno proclamato il fermo e alle aziende erogatrici dei servizi, alle quali viene fatto obbligo di portarla a conoscenza dei lavoratori nonche´ del pubblico attraverso gli organi di informazione.

Dopo la paralisi di ieri di strade a autostrade, la situazione era diventata ancora più difficile dopo che l´incontro di oggi a mezzogiorno a Palazzo Chigi, con il governo impegnato in una tentativo di mediazione con i rappresentanti degli autotrasportatori, era andato male. I gestori di distributori di carburante, poi, avevano annunciato che il 60% degli impianti era già senza carburante, causa il fermo dei Tir e dei mancati rifornimenti di benzina e gasolio.

A riferirlo la Fegica-Cisl, per la quale serviranno comunque 48 ore da quando cesserà lo sciopero per tornare alla normalità.