Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 782
TRAPANI - 11/12/2007
Sicilia - Sentenza della 7a sezione

Talpe in procura, cassazione rigetta ricorso Cuffaro

"Accolgo la decisione con il rispetto che ho sempre manifestato nei confronti della magistratura’’.
Foto Corrierediragusa.it

Roma - I giudici della settima sezione penale della Corte di Cassazione hanno rigettato l´istanza di rimessione ad altra sede giudiziaria del processo sulle talpe alla Procura di Palermo, che vede imputato il presidente della Regione siciliana, Salvatore Cuffaro, per favoreggiamento aggravato a Cosa nostra e violazione di segreto d´ufficio.

Il ricorso, per legittimo sospetto, era stato presentato dai legali del governatore. Cosi´ il processo restera´ a Palermo e potra´ concludersi secondo i tempi previsti. L´ultima arringa e´ prevista per il 17 dicembre e, se non ci saranno repliche, il Tribunale si potra´ ritirare subito dopo per redigere la sentenza. Oltre ad essere stato dichiarato inammissibile, il ricorso e´ stato anche gravato dalla condanna di 2.000 euro che dovranno essere versate alla Cassa delle ammende.

´´Pur nella consapevolezza che la Cassazione ha ritenuto di non entrare nel merito del ricorso presentato dai miei legali a causa di vizi procedurali, accolgo la decisione con il rispetto che ho sempre manifestato nei confronti della magistratura´´.

E´ il commento del Presidente della Regione Salvatore Cuffaro all´odierno pronunciamento della Cassazione sulla richiesta
di remissione avanzata dal suo collegio difensivo.