Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:55 - Lettori online 1391
TRAPANI - 10/12/2007
Sicilia - Nella notte una svote nelle indagini

Denise morta e gettata in mare: indagati anche due cugini

Rosalba Pulizzi, sorella del padre della piccola, è accusata di concorso in omicidio e sequestro. Ad incastrarla l’ex compagno, Giuseppe Dassaro. Secondo la sua versione alla bimba sarebbero stati somministrati, subito dopo il rapimento, dei tranquillanti che ne avrebbero provocato il decesso. Piera Maggio: ’’Non crederò mai alla morte di mia figlia’’. Il suo legale all’Adnkronos: ’’Solo frammenti di verità’’ Foto Corrierediragusa.it

Mazara del Vallo PALERMO - Per il sequestro di Denise Pipitone sono indagate altre due persone: Giovanna D´Assaro, cugina della bambina, e il marito Antonio Cinà, quest´ultimo di Palermo. Giovanna D´Assaro è la figlia di Rosalba Pulizzi e di Giuseppe D´Assaro, l´uomo che sta facendo dichiarazioni sulla scomparsa della bambina e che accusa l´ex moglie di averla tenuta sequestrata. Giovanna D´Assaro e il marito, secondo il dichiarante, avrebbero nascosto nella propria abitazione di Palermo la piccola Denise fino alla morte. I magistrati di Marsala li interrogheranno nelle prossime ore. Rosalba Pulizzi è la sorella di Piero Pulizzi, padre naturale di Denise.


Gli agenti della Mobile di Palermo, su delega della Procura di Marsala, stanno interrogando alcune delle persone che, secondo il pentito Giuseppe D´Assaro, avrebbero avuto contatti con la piccola Denise Pipitone durante il periodo del sequestro trascorso a Palermo. Tra i testimoni da sentire ci sono anche dei minori, infatti i magistrati di Marsala hanno chiesto alla Questura la disponibilita´ della sala in cui generalmente vengono ascoltati i minorenni.

Tra la donna e l´ex convivente si e´ svolto nella notte un lungo confronto negli uffici della Procura di Marsala.

"La mia assistita ha un alibi di ferro: al momento del rapimento della piccola Denise era al lavoro", sostiene l´avvocato Mariella Martinciglio,
legale di Rosalba Pulizzi sottolineando che dopo il confronto la donna "è stata rilasciata senza difficoltà".

Accertamenti sono stati avviati oggi dalla polizia di stato su documenti e oggetti sequestrati ieri nell´abitazione di Rosalba Pulizzi, perquisita dagli agenti su ordine della procura della repubblica di Marsala nell´ambito dell´indagine sul sequestro della piccola Denise Pipitone.

I poliziotti hanno portato via elementi che potrebbero essere utili all´inchiesta nella quale Rosalba Pulizzi, zia della bimba scomparsa, è indagata per concorso in sequestro di persona. Il suo ex marito, Giuseppe D´Assaro, l´accusa di avere tenuto la piccola nella propria abitazione per molti mesi dopo la scomparsa avvenuta il 1/o settembre 2004 a Mazara del Vallo. Alla piccola sarebbero stati tinti i capelli e le sarebbero stati somministrati tranquillanti, in seguito ai quali, secondo D´Assaro, la bimba sarebbe morta e poi il suo corpo buttato in mare.