Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 21 Settembre 2018 - Aggiornato alle 15:21
SIRACUSA - 10/02/2018
Sicilia - In manette un 52enne di Pachino

Incarica un complice di prendere a colpi di mazza il cognato

L’esecutore materiale degli atti intimidatori, un 29enne, è stato sottoposto all’obbligo di dimora nel comune di Avola Foto Corrierediragusa.it

Voleva a tutti i costi la pensione della madre e per raggiungere lo scopo non aveva esitato ad "assumere" un uomo con il compito di intimidire il cognato: le manette sono scattate per un 52enne di Pachino, già noto alle forze dell’ordine, con l’accusa di estorsione, atti persecutori e lesioni. Il 29enne incaricato di "convincere" le vittime designate è stato invece sottoposto alla misura dell’obbligo di dimora nel comune di Avola, con l’accusa di lesioni. Era stato difatti quest´ultimo a colpire con una mazza da baseball il cognato del suo mandante, come accertato dalle immagini di telesorveglianza. Il 52enne pachinese aveva concepito il piano per motivi di eredità, in quanto la sorella e il marito di lei, ovvero il cognato intimidito, avevano deciso di andare a vivere a Siracusa, rinunciando alla cura dell’anziana madre, che avevano assistito in maniera esclusiva. Il 52enne voleva continuare ad occuparsi della madre con il solo scopo, secondo le indagini, di entrare in possesso dei beni della donna e del denaro che, a suo avviso, doveva essere contenuto nel libretto di risparmio.

L’uomo, rifiutandosi di comprendere che la pensione ammontante a 600 euro mensili, era servita per l’accudimento della madre e per le spese di mantenimento dell’abitazione di sua proprietà, aveva iniziato a pretendere i risparmi, nei fatti inesistenti, del libretto della madre, mettendo in atto tutta una serie di minacce estorsive contro i congiunti, costringendoli a consegnargli 4 mila euro, pur di interrompere le persecuzioni. Ma il 52enne, non soddisfatto della somma ricevuta, aveva incaricato il 29enne di punire il cognato e proprio questo episodio aveva dato avvio alle indagini, culminate nell´arresto.

Nella foto sopra immagini di repertorio