Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 23 Luglio 2018 - Aggiornato alle 19:20
SIRACUSA - 22/11/2017
Sicilia - Nella tabaccheria Lentini di viale Italia

SuperEnalotto: vincita favolosa di 168.000 euro

In Sicilia, riferisce Agipronews, il Jackpot manca dal 2015 Foto Corrierediragusa.it

Jackpot a un passo per un giocatore di Augusta, nel Siracusano, che però con un 5 porta a casa una vincita strepitosa da 168 mila euro. La schedina vincente è stata convalidata nella Tabaccheria Lentini, in viale Italia 72. Adesso la sestina esatta mette in palio 62,4 milioni di euro.

Insomma, il SuperEnalotto continua a distribuire soldi in Sicilia e non solo. Proprio nell´Isola, riferisce Agipronews, il Jackpot manca dal 2015, con 21,8 milioni finiti ad Acireale, mentre da inizio anno la vincita più alta è un 5 da 205 mila euro vinto a Galati Marina (Messina) lo scorso 1 luglio.

«Proprio in questo momento ho notato il messaggio da parte di Sisal sul terminale che mi informava della vincita da punti 5 di 167.897,17 euro centrata presso il nostro punto vendita. Non si è presentato ancora nessuno, non ho assolutamente idea di chi possa essere». Esordisce così ad Agimeg il titolare del punto vendita Sisal Tabaccheria Lentini dove, come accennato, l’ultima estrazione del SuperEnalotto ha regalato una vincita da punti 5 di 167.897,17 euro. Si tratta dell’unico «5» del concorso. «Secondo me, conoscendo le abitudini dei clienti aggiunge il titolare - il vincitore potrebbe essere qualcuno che non ha ancora controllato la schedina. Molti tornano chiedendomi di controllare la schedina per rigiocarla. Molta gente ha questa abitudine, potrebbe anche non tornare da me ed andare in un’altra ricevitoria, che potrebbe così prendersi i miei meriti. Oppure - conclude sibillino - potrei scoprire così chi è il vincitore giovedì».