Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 27 Maggio 2017 - Aggiornato alle 0:39 - Lettori online 629
SIRACUSA - 17/03/2017
Sicilia - Complesso intervento chirurgico in una clinica ortopedica di Augusta

La buona sanità, migrante riacquista uso delle gambe

Il giovane ha avuto enormi difficoltà anche a camminare. I piedi mai paralleli ma quasi perpendicolari Foto Corrierediragusa.it

Grazie ad un delicato intervento di chirurgia ortopedica, un migrante 18enne potrà definitivamente superare la condizione di handicap fisico che ha finora accompagnato la sua crescita. E potrà adesso guardare al futuro con prospettive più confortanti. E’ la storia di Mohamed Sambe, operato nei giorni scorsi dall’equipe medica diretta dal chirurgo ortopedico Emanuele Lombardo (foto) presso l´istituto ortopedico Villa Salus di Augusta. La struttura sanitaria ha preso in carico il giovane afflitto da una gravissima deformazione agli arti inferiori, una malformazione infantile probabilmente dovuta alla denutrizione.

Il giovane migrante per tutta la sua vita ha avuto enormi difficoltà anche semplicemente a camminare. I suoi piedi non sono mai stati paralleli ma quasi perpendicolari. L’intervento programmato dal dott. Lombardo ha permesso di superare questa patologia. «Dopo un attento studio radiografico e una tac, abbiamo analizzato la malformazione dovuta principalmente al femore – spiega il medico siciliano - Siamo intervenuti in contemporanea su entrambi gli arti inferiori, con un significativo e delicato intervento di osteotomia del terzo distale del femore procedendo ad una derotazione e ad un allineamento dalla testa del femore fino alle caviglie».
Sono state applicate delle placche in titanio nel terzo distale del femore con l’obiettivo di realizzare delle osteotomie correttive. "Avrà bisogno adesso di una lunga riabilitazione - conclude il dott. Lombardo - I suoi arti si devono adattare ad una situazione che risulta praticamente nuova al suo stesso schema mentale".

Una forte emozione, quella provata dal giovane migrante appena sveglio. E’ scoppiato subito a piangere perché per la prima volta nella sua vita i suoi alluci si toccavano. Tra qualche mese potrà camminare come fa qualsiasi persona. «Sono venuto in Italia e ho trovato la mia salute – racconta il ragazzo parlando in francese e con gli occhi lucidi – Ringrazio il dott. Lombardo, l’equipe medica di Villa Salus e l’Italia intera perché mi hanno donato il mio futuro».

E’ scappato dall’Africa, dalla guerra civile che gli ha strappato anche i suoi familiari più cari. E’ andato dapprima in Algeria, per cercare lavoro, ma il suo handicap è sempre stato un limite. Disperato, si è trasferito in Libia dove, prima di imbarcarsi verso l’Europa, è stato trattenuto in una sorta di prigionia. Poi è approdato a Pozzallo ed infine è stato trasferito nel centro Sprar di Canicattini Bagni, assistito dall’equipe dell’associazione «La Pineta» di Grammichele il cui presidente Mario Mineo ha subito compreso le gravi condizioni del ragazzo.