Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1195
SIRACUSA - 30/09/2016
Sicilia - Il sindaco Corrado Bonfanti ha fatto gli onori di casa

Noto conferisce cittadinanza onoraria al principe Alberto

Nel corso di una sobria cerimonia tenutasi a palazzo Ducezio Foto Corrierediragusa.it

Noto ha conferito la cittadinanza onoraria al Principe Alberto di Monaco. L’ha conferita il sindaco Corrado Bonfanti nel corso di una sobria cerimonia tenutasi a palazzo Ducezio alla presenza del consiglio comunale e dell’ambasciatore monegasco in Italia. La visita di Alberto di Monaco segue quella del 2013 e conferma l’impegno del principe per attività a difesa dell’ambiente e dell’ecosistema. Non a caso Alberto di Monaco ha chiesto di visitare dopo il pranzo l’oasi di Vendicari, per la cui valorizzazione ha versato una donazione tramite la fondazione a lui intestata e la villa del Tellaro. Ad accompagnare Alberto di Monaco nel corso della giornata Marcello Lo Giudice, taorminese, artista di valore internazionale che ha donato nel 2011 alla famiglia reale un’opera di gran pregio, La Primavera, che si può ammirare proprio a Monaco. Lo Giudice vive per alcuni periodi dell’ano a Noto ed è da sempre affascinato dal suo «giardino di pietra» ed ha instillato nel suo amico principe interesse e curiosità per la città. Molto l’interesse per i momenti meno protocollari del principe Alberto. Il pranzo con un numero ristretto di invitati si è tenuto nelle austere sale di palazzo Nicolaci dove il grande tavolo ovale e i due a corona sono stati allestiti posate, piattini, e sottopiatti in Silver, piatti Ginori e bicchieri in cristallo per la verità molto poco «regali». Su ogni tavolo tre candelabri barocchi, più un addobbo floreale. Il menù da 109 euro affidato ad una impresa di catering di San Giovanni La Punta ha giocato molto sui sapori misti, mischiando portate di terra ad altre di mare ma contraddistinto da leggerezza. Immancabile il sorbetto di mandorla pizzuta di Avola.