Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1210
SIRACUSA - 05/09/2016
Sicilia - Dopo 3 mesi di stop

Riapre la tratta ferroviaria Catania Siracusa

Restano sul tappeto parecchi problemi Foto Corrierediragusa.it

La linea ferroviaria Siracusa-Catania è stata riaperta. E´ tornata così operativa la stazione di Siracusa dove converge il traffico proveniente dal catanese. Rete Ferroviaria Italiana ha ultimato entro i termini programmati la prima fase di interventi di potenziamento infrastrutturale, iniziati il 20 giugno scorso. Sono stati completati i lavori straordinari nel tratto fra Bicocca e Augusta per effettuare interventi di consolidamento e adeguamenti strutturali e messa in sicurezza delle gallerie ferroviarie e per il potenziamento degli impianti di Lentini, Agnone e Brucoli. A Lentini, in particolare sono stati avviati i lavori di costruzione del nuovo sottopasso e dei marciapiedi. "Questi interventi - spiega una nota di Rfi - costituiscono una prima fase dei lavori che si concluderanno nel 2018 e che, una volta completati, consentiranno di migliorare la regolarità del servizio e gli standard di affidabilità dell´infrastruttura, con un incremento della velocità commerciale della linea. L´investimento complessivo e´ di oltre 81 milioni di euro".

Nei prossimi giorni dovrebbe riprendere la circolazione sulla Gela-Canicattì-Comiso. Sono stati già spesi per i lavori 35 milioni per una linea che doveva rientrare in esercizio a fine 2015. L´interruzione della Canicattì-Gela-Comiso, tra l´altro, impedisce l´attivazione dei treni regionali veloci Ragusa-Palermo, via Caltanissetta che erano stati annunciati un anno fa.

Le Infrastrutture - ha detto il segretario provinciale Filt Vera Uccello - sono il filo conduttore per lo sviluppo economico e dell´occupazione. E gli investimenti nel sistema dei trasporti, rendono il settore ferroviario moderno, competitivo e al servizio e per lo sviluppo dei settori produttivi del nostro territorio".

Ma allo stesso tempo preoccupati per la scarsa considerazione per la stazione di Siracusa e per la tratta a Sud della città aretusea. "Ancora oggi - ha aggiunto Uccello - non c´è il treno domenicale per Noto, molto richiesto dai turisti". Da tre anni Rfi e Trenitalia hanno soppresso il domenicale Barocco per Noto e Modica.