Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 768
SIRACUSA - 08/04/2016
Sicilia - La visita del Capo dello Stato nel Sud Est siciliano

Mattarella incantato da Cattedrale

Fu riaperta al culto nel 2007 dopo il recupero sapiente di migliaia di pezzi di pietra Foto Corrierediragusa.it

«Questo è il volto straordinario della Sicilia, un duomo maestoso, una grande realizzazione che sprigiona quella positiva energia che la Sicilia sa esprimere». Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella è rimasto incantato dalla visita alla cattedrale di S. Nicolò, rinata in tutto il suo splendore a venti anni esatti dal rovinoso crollo della cupola, avvenuto nella notte tra il 13 e il 14 marzo del 1996. L’arrivo puntuale del Capo dello Sato, accompagnato dal ministro dei Beni Culturali , Dario Franceschini, salutato da bambini e ragazzi festanti, è stato il sigillo ufficiale alla riapertura della cattedrale che è stata arricchita con un patrimonio di stucchi, affreschi e sculture che la rendono ancor più monumentale. Sergio Mattarella è stato accompagnato nella sua visita all’interno dal consulente del restauro, Vittorio Sgarbi, che ha spiegato i vari passaggi del recupero.

La cattedrale fu riaperta al culto nel 2007 dopo il recupero sapiente di migliaia di pezzi di pietra che erano caduti al suolo frantumandosi. Nel febbraio del 2011 furono inaugurati gli affreschi della cupola realizzati da Olag Supereko e le vetrate a tamburo di Francesco Mori. Ora il completamento di tutte le navate e dell’abside che arricchiscono il «giardino di pietra». Un gioiello barocco che ha fatto dire al vescovo Mons. Antonio Stagliano: «Questa è un’opera creativa, espressione di cultura, che è un modello per tutta l’Italia per come è stata portata avanti e realizzata».