Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 913
SIRACUSA - 03/03/2016
Sicilia - Le prime notizie ufficiose della Farnesina

Di Carlentini uno dei morti in Libia

La moglie è disperata e chiede che il suo dolore sia rispettato Foto Corrierediragusa.it

E´ di Carlentini, in territorio di Siracusa, uno dei due italiani uccisi in Libia: si tratta del 47enne Salvatore Failla, marito e padre di 2 figlie (foto). Ne dà notizia la Farnesina. Sono dipendenti della società di costruzioni Bonatti, rapiti nel luglio 2015 assieme a Gino Pollicardo e Filippo Calcagno. Ora la drammatica notizia della morte di Fausto Piano, 60 anni, sardo, e del siciliano Salvatore Failla, come accennato siracusano residente a Carlentini, 47 anni. Al riguardo la Farnesina ha già informato i familiari. Sono in corso verifiche rese difficili dalla non disponibilità dei corpi. I quattro erano stati sequestrati insieme a due colleghi della società di costruzioni parmense nella zona di Mellitah. Un testimone libico, rientrato a Tunisi da Sabrata, riferisce all´Ansa che i due ostaggi italiani "sono stati usati come scudi umani" dai jihadisti dell´Isis, e sarebbero morti "negli scontri" con le milizie di ieri a sud della città, nei pressi di Surman. Gli altri ostaggi sono Gino Pollicardo, ligure, e Filippo Calcagno di Enna.

Il presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta comunica in una nota di avere delegato il sindaco di Carlentini a portare la sua personale solidarietà ai familiari di Salvatore Failla, uno dei due ostaggi uccisi dall´Isis in Libia.

Nessun commento per ora dalla Bonatti, general contractor internazionale con sede a Parma, leader del settore olio e gas. "Non siamo autorizzati a rilasciare alcun commento", è la risposta alle richieste di informazioni su quanto ha rivelato la Farnesina. L´azienda attende di avere maggiori riscontri prima di esprimersi, molto probabilmente con una nota ufficiale.

Il legale di famiglia, l´avvocato Francesco Caroleo Grimaldi, ha sentito a Carlentini la moglie di Salvatore Failla, padre di due figlie: "E´ ovviamente disperata e chiede che il suo dolore sia rispettato. Non c´è ancora assoluta certezza che sia proprio suo marito uno dei due italiani rimasti uccisi in Libia. Per questo sta vivendo queste ore con infinita angoscia". Per il penalista "quanto accaduto è un fatto spaventoso. Se ci sono responsabilità a qualsiasi livello mi auguro che vengano al più presto individuate". Parenti e amici si sono recati nell´abitazione. "Siamo molto angosciati e preoccupati e abbiamo attivato i nostri canali con la Farnesina per avere informazioni più precise", dice il sindaco Pippo Basso, "Failla è molto conosciuto come un grande lavoratore, amante della famiglia. Siamo pronti a fornire ogni forma di solidarietà e di assistenza ai familiari del nostro concittadino".