Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 991
SIRACUSA - 30/12/2015
Sicilia - Il turpe forum è stato segnalato alla polizia postale

Pedofili si scambiano immagini di neonati

Il vergognoso sito internet visitato anche da molti italiani Foto Corrierediragusa.it

Un Forum su internet dove i pedofili si scambiano foto di neonati ritratti nella culla del nido con chat italiana dove pedofili chiedono scambio di materiale con i piccoli. È l’ennesima, agghiacciante scoperta degli operatori di Meter, l’organizzazione fondata da don Fortunato Di Noto (foto), impegnata da 25 anni nella lotta alla pedofilia ed alla pedo pornografia in Rete e nell’accoglienza e l’accompagnamento delle vittime di pedofilia e di abusi. Un episodio gravissimo che non avremmo mai voluto riferire ma che tuttavia riteniamo giusto rendere noto all´opinione pubblica, per evidenziare le piaghe della società. Ma chi ha scattato quelle foto? E chi le ha messe in rete? Gallerie dell’orrore che gli stessi curatori del Forum pedofilo con video e foto gallery pedo pornografici con tanto di vergognose sezioni: 0-2 anni e 2-5 anni. A queste sezioni si aggiunge quella più sconvolgente ed esecrabile: la "born" (che sta ad indicare nascituri). Materiale molto richiesto, a tal punto che i pedofili hanno creato un forum dedicato interamente ai neonati. «Siamo senza parole – afferma don Fortunato Di Noto – abbiamo addirittura individuato una chat in dieci lingue, ivi compresa la nostra, in cui nostri connazionali chiedono foto e video di neonati e si dichiarano pronti a scambiare il materiale in Rete».

Il tutto avviene in quello che si definisce Deep Web, ovverosia nel web nascosto, quello oscuro. Qui, al riparo da occhi indiscreti, i pedofili portavano avanti i loro turpi traffici. La scoperta è stata prontamente segnalata alla Polizia postale di Catania per le indagini del caso e la individuazione dei responsabili.