Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 559
SIRACUSA - 14/10/2014
Sicilia - L’uomo è indagato a piede libero per omicidio colposo plurimo

E´ di Chiaramonte il camionista che ha ucciso 3 operai

Ci sarebbe un errore umano alla base della tragedia. Gravi ma stabili le condizioni del quarto operaio travolto. Illeso il quinto collega Foto Corrierediragusa.it

E’ un 56enne originario di Chiaramonte Gulfi il camionista alla guida del tir impazzito di una ditta di autotrasporti di Ragusa che ha travolto ieri cinque operai sulla A18 Catania – Siracusa. L’uomo è a piede libero e indagato per omicidio plurimo dalla polizia stradale, nell’ambito dell’inchiesta avviata sulla tragedia dalla procura di Siracusa. Dagli esami effettuati si esclude l’ebbrezza alcolica o l’influsso di droghe. La tragedia sarebbe stata causata da un mero errore umano: l’autista difatti ha inavvertitamente invaso la corsia d’emergenza in cui si trovavano i cinque operai per i lavori di manutenzione, uccidendone tre e ferendo gravemente un quarto. Quasi illeso il quinto operaio. Quando il camionista ha cercato di rientrare nella sua corsia era già troppo tardi. "Ho avuto un attimo di distrazione – avrebbe dettoil camionista in stato di shock – e ho perso il controllo del mezzo". Intanto restano gravi ma stabili le condizioni di uno degli operai travolti. Nell’incidente S.A, 36 anni, di Cesarò, in provincia di Messina, ha subìto lesioni multiple da schiacciamento agli arti inferiori. Soccorso dal 118 e trasportato in eliambulanza all’ospedale Cannizzaro, dove è entrato nel pomeriggio al Trauma Center in codice rosso, l’uomo è stato operato da un’équipe di ortopedici, chirurgi vascolari e chirurghi plastici. Il complesso intervento si è protratto nella notte. In tarda mattinata, il paziente è stato ricoverato in Rianimazione. Le condizioni dell’uomo sono giudicate stabili dai medici, che comunque, data la gravità del complessivo quadro clinico, mantengono riservata la prognosi. Quasi illeso, come accennato, il collega 45enne V.C., sotto shock per l´accaduto.

Non altrettanto fortunati invece Giuseppe Leanza, 45 anni, di San Teodoro, Silvestro Cerro, 57 anni e Salvatore Cristaudo, 48 anni, morti sul colpo. Erano tutti impegnati in lavori di manutenzione sulla corsia di emergenza. Sono intervenuti l’elisoccorso del 118 (foto), le squadre di pronto intervento Anas e le forze dell’ordine per gli accertamenti della dinamica e la gestione della viabilità. Il Presidente dell’Anas Pietro Ciucci ha immediatamente nominato una commissione d’inchiesta per verificare la dinamica dell`incidente.