Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 987
SIRACUSA - 06/10/2014
Sicilia - Vittoria a mani basse per il rosolinese

Il trionfo di Gennuso neo deputato

Il neo deputato regionale assicura "ferma opposizione a Crocetta" Foto Corrierediragusa.it

Pippo Gennuso (foto) festeggia la sua elezione a parlamentare alla Regione Siciliana assieme a Bruno Marziano con i voti presi a Rosolini e Pachino. Gennuso ha preso il posto di Pippo Gianni, ribaltando una situazione che, nella visione di Gennuso, lo aveva visto penalizzato alle scorse Regionali. Gennuso era già stato il più votato con Mpa di Lombardo, ma non era riuscito ad ottenere il seggio, di cui aveva invece beneficiato Pippo Gianni, ora scalzato dall´Ars. Subito dopo le elezioni regionali Gennuso aveva avviato una battaglia personale denunciando presunti brogli in alcune sezione di Pachino e Rosolini, le stesse sezioni dove ora si è tornato a votare dopo che in tutti i gradi di giudizio l´istanza di Gennuso aveva trovato accoglimento. Gli elettori richiamati alle urne da una decisione del Cga e dopo il ricorso presentato da Salvatore Midolo e firmato, come accennato, anche da Gennuso, sono stati quelli delle sezioni 3, 7 e 11 di Rosolini e 2,11,13,14,15 e 23 di Pachino.

La sentenza del Cga che ha riportato al voto una parte degli elettori di Pachino e Rosolini fa esplicito riferimento all’utilizzo della «scheda ballerina»: schede sparite e poi però ritrovate che adesso sono diventate anche argomento di un’inchiesta della Procura di Siracusa che ha disposto il sequestro della documentazione elettorale del 2012 relativa a quelle sezioni dei comuni di Pachino e Rosolini.

Lo stesso Gennuso esulta con i suoi fedelissimi: "E´ stata fatta giustizia - spiega - la città si è ribellata e i voti lo confermano". Gennuso, come accennato, ha preso il posto di Pippo Gianni all´Ars. Quasi il 50% dei votanti hanno scritto il suo nome e cognome nella scheda: si tratta di circa mille 500 preferenze, cinque volte il totale conquistato dai contendenti del Partito democratico. Il neo deputato regionale assicura "ferma opposizione a Crocetta". La maggioranza a questo punto è sempre più sfaldata visto che in pratica si sono portate indietro le lancette di quasi due anni, quando si celebrarono le Regionali che portarono all’elezione di Rosario Crocetta. Ma in questi 24 mesi – un’era geologica per la politica – sono cambiati scenari e addirittura partiti. Il Pdl, ad esempio, non esiste più e così Pippo Gennuso, che oggi è vicino a Forza Italia, ha corso sotto i colori del Pds-Mpa, la formazione in cui militava allora.