Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 900
ROMA - 24/07/2012
Sicilia - L’esito del vertice di palazzo Chigi tra il premier e il governatore della Sicilia

Lombardo conferma a Monti le sue dimissioni per il 31 luglio

Il presidente rilancia: «Mai esistita l’ipotesi di commissariamento della Sicilia» Foto Corrierediragusa.it

Le prime dichiarazioni di Raffaele Lombardo dopo l’incontro col premier Mario Monti (da sx nella foto), servono a confermare la data delle dimissioni: «Mi dimetto, il 31 luglio. Si andrà al voto, a Dio piacendo, il 28 e il 29 ottobre». Lo ha dichiarato uscendo da Palazzo Chigi dopo l’incontro con Monti. Il governatore ha poi aggiunto: »L’incontro con Monti è andato molto bene e, come sostenevamo, l’idea che i conti della Sicilia non fossero in ordine era una grande balla. La Regione ha i conti solidi e una finanza sostenibile».

Ha detto pure, il governatore: «Mai esistita l’ipotesi di commissariamento della Sicilia». Poi: «Abbiamo convenuto con il governo di avviare una collaborazione forte perché lo Stato sappia quello che fa la Regione». Sulle sue dimissioni confermate per la fine del mese, il governatore siciliano ha anche dichiarato: «Non ci saranno spese, sperperi e sprechi. Si temeva che ci potessero essere spese pazze», ma ci sarà invece »rigore nei conti anche nei giorni a venire».

Infine il governatore ha dato una notizia: »Lo Stato oggi ci ha sboccato 240 milioni per quanto riguarda la sanità. Abbiamo dimostrato, come sostenevamo, che il rischio default era una grande balla: i nostri conti sono solidi, le finanze sostenibili. Abbiamo onorato il nostro debito, pagando la rata del 30 giugno, che incide per il 7% del nostro Pil: e la Regione paga i suoi stipendi» ha continuato il governatore. All’incontro erano presenti anche i ministri Gnudi (Turismo), Grilli (Economia), Barca (Coesione territoriale) e Catricalà. Con il sottosegretario alla presidenza, da giorni l’assessore regionale all’Economia Gaetano Armao ha avviato una stretta collaborazione per discutere di contenimento dei costi e di spending review. Il testo sul contenimento della spesa stilato da Armao è stato depositato all’Ars e attende l’esame della prima commissione Bilancio. Blogsicilia.it