Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1326
RAGUSA - 07/04/2010
Sicilia - In occasione delle elezioni

Mini verifica per la politica siciliana a fine maggio

Gianfranco Miccichè ed il suo Pdl Sicilia ritornano nel mirino del Pdl lealista mentre Raffaele Lombardo lancia il partito del sud

Gianfranco Miccichè ed il suo Pdl Sicilia ritornano nel mirino del Pdl lealista mentre Raffaele Lombardo lancia il partito del sud. Sono questi i fatti nuovi della politica siciliana che si appresta a vivere con le elezioni di fine maggio una mini verifica visto che si vota in 41 comuni tra cui Enna e Gela.

Il coordinatore regionale del Pdl Giuseppe Castiglione ha ancora una volta posto l’aut aut a Gianfranco Miccichè. « Non ci saranno più altre formazioni in casa Pdl -dice Castiglione- Inviteremo i deputati che vi hanno aderito a scegliere di rimanere dentro il partito e quindi adeguarsi alla linea Pdl o andare via. A cominciare dalle prossime comunali dove non sarà consentito nessuno logo o uso del nome Pdl».

Castiglione boccia il governo Lombardo su tutto il fronte ed assicura che non ci saranno più esponenti targati Pdl in giunta. Dal canto suo Raffaele Lombardo pensa da un lato a chiarire la sua posizione giudiziaria nel dibattito parlamentare in programma la prossima settimana, martedì 13 , a sala d’Ercole; dall’altro il presidente vuole radicare il suo Mpa nel territorio ed accelera per la formazione del partito del sud; uno schieramento che andrà oltre l’Mpa, accoglie frange dell’ex Margherita e di esponenti del Pd come Salvatore Cardinale.

Il movimento di Raffaele Lombardo sta accelerando con l’organizzazione del tesseramento e dei congressi provinciali che dovranno tenersi entro giugno. Gli autonomisti insomma vogliono farsi spazio e precedere quanti, come Gianfranco Miccichè, si sono affezionati alla nascita del partito del sud.