Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 739
RAGUSA - 31/12/2009
Sicilia - Palermo: invalidità civile, dal 1° gennaio via alle procedure semplificative

Invalidi civili, domande all’Inps via telematica

Il direttore regionale Sandra Petrotta: «Il nuovo sistema ha l’obiettivo di assicurare tracciabilità della domanda, trasparenza del procedimento e liquidazione entro 120 giorni»
Foto CorrierediRagusa.it

Se ne parla da anni, adesso la svolta si concretizza. Un buon esempio di semplificazione burocratica. Con il primo gennaio 2010 il calvario degli invalidi civili, che spesso non sopravvivevano all’ottenimento del beneficio economico della pensione di accompagnamento o altre invalidità, cessa. S’accorcia la filiera (finisce il palleggiamento delle pratiche fra Asl, Inps, Prefettura, Inps) degli enti competenti a trattare le domande e si riducono i tempi d’attesa. Inps e Asp concertano il lavoro esclusivamente in via telematica con l’ausilio di Patronati e medici d base. L’Inps istruisce ed eroga la prestazione.

«L’obiettivo del nuovo sistema – afferma il direttore regionale dell’Inps Maria Sandra Petrotta (nella foto) - è quello di assicurare la tracciabilità della domanda e la trasparenza del procedimento, riducendone drasticamente i tempi che dovranno attestarsi entro 120 giorni».

Una pratica definita in 4 mesi, dalla prima visita al riconoscimento dell’infermità e alla liquidazione, comporterà anche la drastica riduzione degli interessi legali che prima venivano erogati a causa dei tempi biblici di liquidazione.

La riforma prevede che per le domande presentate dal 1° gennaio 2010, competente all’accertamento dei requisiti amministrativi ed alla concessione delle prestazioni sarà soltanto l’Inps.

E’ bene sintetizzare i passaggi istituzionali che hanno portato a questa novità di valenza storica. L’input determinante lo ha dato l’articolo 20 del decreto legge 1 luglio 2009, n. 78, convertito con modificazioni in legge 3 agosto 2009, n. 102.

Il prefetto di Palermo Giancarlo Trevisone, in rappresentanza dei prefetti della Sicilia, ed il direttore regionale dell’Inps Maria Sandra Petrotta, hanno stipulato lo scorso 24 dicembre la convenzione per dare applicazione nel territorio della Regione siciliana alla volontà della legge.

L’accelerazione al sistema lo dà la telematica. Infatti, dal 1° gennaio 2010, le domande intese ad ottenere il riconoscimento dei benefici in materia di invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità dovranno essere presentate all’Inps esclusivamente con il canale telematico anche avvalendosi dell’assistenza gratuita dei Patronati e delle Associazioni di categoria.

Il certificato medico dovrà essere trasmesso per via telematica dal medico certificatore che, per l’accesso alla relativa procedura, dovrà munirsi di apposito Pin rilasciato dall’Inps. L’Istituto previdenziale, per agevolare i medici della regione, offre la possibilità del rilascio a vista, tramite propri funzionari, presso i locali degli ordini professionali di ogni provincia.

I professionisti dovranno semplicemente compilare e sottoscrivere il modulo di richiesta del Pin disponibile sul sito internet dell’Istituto, allegando copia del documento di identità in corso di validità e certificato di iscrizione all’ordine dei medici. L’elenco dei medici certificatori accreditati in possesso del Pin verrà pubblicato sul sito internet dell’Inps.