Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1385
RAGUSA - 15/06/2009
Sicilia - I 2 bossoli erano contenuti in altrettanti plichi recapitati al ministero

Proiettili per il ministro Alfano e il vice Piscitello

La solidarietà del capogruppo del Pdl all’Ars Innocenzo Leontini

Due buste contenenti ciascuna un proiettile sono state recapitate al ministero della Giustizia. Le buste erano indirizzate una al guardasigilli Angelino Alfano, e l´altra al suo vice capo di gabinetto, Roberto Piscitello.

Solo nel plico indirizzato a Piscitello, magistrato fino allo scorso anno sostituto procuratore presso la Dda di Palermo, oltre al bossolo di proiettile era allegata una lettera anonima in cui sono riportate anche minacce di carattere personale.

Nella lettera, inoltre, si chiede al vice capo di gabinetto di agire sul ministro "perchè non metta i vetri divisori nelle carceri". Il riferimento, se pure non esplicitato, dovrebbe essere alle nuove misure antimafia di inasprimento del 41 bis contenute nel ddl sicurezza che, dopo il via libera della Camera, passa ora all´esame del Senato.

Il giro di vite sul "carcere duro" ai mafiosi e agli esponenti della criminalità organizzata prevede, tra l´altro, l´obbligo del vetro divisorio durante i colloqui per evitare anche il passaggio di oggetti tra detenuti e familiari; misura, questa, già prevista dalle attuali norme ma non sempre attuata perchè fino ad ora non vincolante. Dell´arrivo al ministero delle due buste contenenti bossoli e minacce è stata informata la Digos.
(Fonte: lasiciliaweb.it)

LA SOLIDARIETA´ DI LEONTINI
"Semmai ce ne fosse stato bisogno, il tentativo di intimidazione nei confronti del ministro Alfano e del suo vice capo gabinetto, Piscitello - dice il capogruppo del Pdl all´Ars Innocenzo Leontini, esprimendo la propria solidarietà - è l´ulteriore dimostrazione che il dicastero retto dall´esponente del Pdl sta svolgendo a pieno e con il dovuto rigore il proprio compito istituzionale. Un compito che, sempre in difesa dello Stato e dei suoi cittadini, non può non passare da una fiera posizione di contrasto alla criminalità organizzata in ogni sua forma".