Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 774
RAGUSA - 19/09/2008
Sicilia - Catania - "Dicono che parlo troppo, oggi sono venuta ad ascoltare"

Catania: la vedova Raciti vuole giustizia

Al via il processo per la morte dell’ispettore di polizia nella tragica nottata del dopo derby Catania - Palermo Foto Corrierediragusa.it

"A Catania dicono che parlo troppo, oggi sono venuta ad ascoltare". Sono le parole di Marisa Grasso (nella foto), la vedova di Filippo Raciti, l´ispettore di Polizia ucciso negli scontri davanti allo stadio "Massimino" in occasione del derby con il Palermo del 2 febbraio 2007.

La donna, intervistata dall´emittente televisiva "Telecolor", stamani ha assistito all´udienza che ha dato inizio, presso la Corte d´Assise etnea, al processo per la morte del marito. Presente in aula anche l´imputato Daniele Micale. Antonino Speziale, diciassettenne all´epoca dei fatti, sarà invece giudicato dal Tribunale dei minorenni.

"Diciassette anni fa - ha aggiunto la vedova Raciti - ho affidato la mia vita a mio marito, che oggi non c´è più. Lui vive dentro di me. Ho tutta la vita per aspettare giustizia, non ho fretta".

Tornando all´attualità del processo, i giudici della prima corte d´Assise di Catania hanno rinviato al 31 ottobre il processo a Daniele Micale, uno dei due tifosi del Catania accusati dell´omicidio dell´ispettore Raciti.

(Fonte: lasiciliaweb.com)