Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 712
RAGUSA - 25/08/2008
Sicilia - Previsti anche corsi intensivi per gli insegnanti

Il Ministro Gelmini annuncia tagli ai prof

A casa in tutto il Paese 85 mila docenti tra il 2009 e il 2011 Foto Corrierediragusa.it

Risultano a dir poco sconvolgenti le dichiarazioni rese da alcuni politici nordici in merito alla scuola meridionale

"Nel Sud alcune scuole abbassano la qualità della scuola italiana. In Sicilia, Puglia, Calabria e Basilicata organizzeremo corsi intensivi per gli insegnanti". La risposta alle parole del leader leghista Umberto Bossi arriva dal ministro dell´Istruzione.

E´ passato un mese da quando il leader del Carroccio, dal palco del congresso nazionale della Lega Veneta a Padova, gridò nel microfono che era l´ora di finirla di far "martoriare i nostri figli da gente che non viene dal Nord". A tre settimane dall´inizio delle lezioni, Mariastella Gelmini (nella foto) ha annunciato la strategia per migliorare la scuola italiana: corsi ai prof del Sud; taglio di 85 mila insegnanti; riduzione degli sprechi.

"La scuola deve alzare la propria qualità abbassata dalle scuole del Sud", ha detto il ministro bresciano. "Organizzeremo dei corsi intensivi per gli insegnanti del Meridione". Sembra che un test elaborato da Ocse-Pisa - l´Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione - vede la nostra scuola al 37esimo posto con un trend decrescente di anno in anno. "E´ una realtà - ha detto il ministro - a cui bisogna porre rimedio".

E il "rimedio", il ministro all´Istruzione lo pone con i corsi agli insegnanti del Sud e il taglio di 85 mila docenti tra il 2009 e il 2011.

Sarà anche pleonastico ricordarlo, ma tra gli anni ’70 e ’90, ed ancora oggi, la maggior parte di docenti nelle scuole del nord, è meridionale. Così come nella magistratura, nella sanità, e nell’industria?.forse il ministro Gelmini, non è a conoscenza di questi dati.


L´ON RUSSO (PD) PRETENDE LE SCUSE DEL MINISTRO

"Il Ministro Gelmini dovrebbe scusarsi con gli insegnanti meridionali per le accuse denigratorie e per la sua scarsa conoscenza del territorio del paese". E´ quanto dichiarato dall´on Tonino Russo, vice segretario del Pd siciliano e componente della Commissione Cultura.

"Probabilmente alla Gelmini è mancato un adeguato corso di formazione per svolgere il ruolo di Ministro. Il governo Berlusconi fino ad oggi ha mortificato la categoria degli insegnanti e lo dimostra la legge 133, appena approvata in Parlamento, che prevede il taglio di 85 mila posti, quasi tutti del meridione. Anche in questo caso - conclude Russo - la Gelmini con il suo silenzio e la sua complicità ha denigrato gli insegnanti come se dietro quei posti non ci fossero professionalità ma semplicemente numeri.