Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 792
RAGUSA - 28/10/2015
Sicilia - Protesta in piazza perchè mancano i soldi

I 24 mila forestali arrabbiati bloccano mezza Sicilia

Anche a Ragusa manifestazione con blocco in viale Europa e corso Italia Foto Corrierediragusa.it

Forestali senza soldi e subito in piazza. La protesta dei 24 mila forestali siciliani è scattata puntuale all´annuncio che il piano del governo Crocetta di mantenere in servizio almeno fino alla fine del mese i forestali è impraticabile. Un centinaio di operai stagionali dell´Azienda foreste ha manifestato nei pressi dello svincolo autostradale di Scillato rallentando il traffico sulla statale 643 la strada che viene utilizzata per collegare Palermo e Catania dopo il cedimento del viadotto Himera sulla A19. A Palermo il blocco è avvenuto in piazza Indipendenza, di fronte alla presidenza della Regione. A Ragusa (foto) il blocco è stato attuato in viale Europa, all’incrocio con via La Malfa. In corso Italia nei pressi di Palazzo dell´Aquila è stato attuato un altro blocco e relativa protesta contro il presidente Crocetta che non ha trovato i soldi per coprire gli stipendi da pagare. La promessa che non ci sarebbero state sospensioni almeno fino al 30, in attesa della delibera Cipe da 650 milioni di euro, 88 dei quali per il finanziamento delle attività dei forestali, si è dimostrata, come dicono i sindacati "un impegno che oggi è carta straccia". La situazione rischia di diventare incandescente anche perchè sono in 24 mila i dipendenti interessati e tutti i capoluoghi sono coinvolti.

I blocchi stradali e le interruzioni seppur temporanee del traffico rischiano tuttavia di alienare le simpatie dei cittadini verso la categoria anche perchè la Sicilia versa al momento in condizioni disastrose per quanto attiene la viabilità e ci mancano solo le proteste per rendere impraticabili più di quanto non siano le già precarie vie di comunicazione.