Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 561
RAGUSA - 30/04/2008
Sicilia - Catania - Lo ha deciso la Cassazione

Catania: Annullato arresto Speziale

Nell’ambito dell’inchiesta sulla morte dell’ispettore Filippo Raciti Foto Corrierediragusa.it

La quinta sezione penale della Cassazione ha annullato senza rinvio l´ordine di arresto in comunità per Antonino Speziale (nella foto) emesso nell´ambito dell´inchiesta sulla morte dell´ispettore di polizia Filippo Raciti.

Speziale resta comunque nella comunità di recupero dove sta scontando la condanna a due anni e sei mesi di reclusione per gli scontri con le forze dell´ordine il 2 febbraio scorso durante il derby Catania-Palermo.

L´ordine di arresto per omicidio fu emesso dal Gip per il tribunale per i minorenni di Catania Alessandra Chierego il 27 febbraio 2007. E fu lo stesso giudice per le indagini preliminari a revocarlo, il 28 maggio, dopo che i Ris di Parma, in sede di incidente probatorio, depositarono una perizia sulla presunta arma del delitto, un sottolavello di lamiera.

La Procura per i minorenni di Catania impugnò la decisione del Gip e il Tribunale del riesame, il 30 giugno del 2007, accolse il ricorso, ma l´ordinanza fu annullata con rinvio il 7 dicembre scorso dalla prima sezione penale della Cassazione che dispose un nuovo giudizio davanti a un Tribunale del riesame per i minorenni che il 25 gennaio 2008 ha ripristinato nuovamente l´ordine di arresto di Speziale per omicidio. I legali dell´indagato hanno presentato nuovamente ricorso in Cassazione e oggi è giunta la decisione della quinta sezione della Suprema corte che ha annullato l´ordinanza di custodia cautelare.

Nel ricorso gli avvocati Giuseppe Lipera e Grazia Coco avevano sottolineato che "i giudici non hanno risposto alle indicazioni della Cassazione, che aveva annullato con rinvio una loro analoga decisione" e contestavano "la presunta identificazione di Speziale, che non corrisponde alle indicazioni fornite da Raciti prima di morire" e la "mancata opportuna valutazione della perizia dei carabinieri del Ris".

Sulla morte dell´ispettore Filippo Raciti sono state aperte due inchieste a Catania: una dalla Procura per i minorenni, nella quale è indagato Antonino Speziale, la cui fase delle indagini preliminari si è conclusa, e l´altra dalla Procura distrettuale, nell´ambito della quale il 1 aprile scorso è stato arrestato Daniele Micale, di 21 anni. I due, che sostengono di non conoscersi, secondo l´accusa, avrebbe impugnato e lanciato contro l´ispettore Raciti un sottolavello di lamiera che avrebbe procurato al poliziotto una lesione rivelatasi poi mortale al fegato.

(Fonte: lasiciliaweb.com)